Cronaca News

Università e Politecnico, da qui passa il futuro

Cosa cambia per la provincia ionica

Università
Università

Nel prossimo settembre ci sarà un’importante novità riguardante i corsi universitari di Taranto.

La laurea magistrale in Ingegneria Mec­canica, del Politecnico di Bari, sarà at­tiva con un nuovo curriculum, intera­mente erogato presso la sede di Viale del Turismo, al quartiere Paolo VI di Taranto.

Il Dipartimento di Meccanica, Mate­matica e Management (DMMM), Di­partimento di Eccellenza del Politecni­co, nell’ottica del rilancio della propria offerta formativa nella sede di Taranto, formerà laureati magistrali con un profi­lo professionale orientato all’internazio­nalizzazione, ma anche maggiormente rispondente alle esigenze delle aziende collocate nel territorio Jonico.

Il nuovo curriculum, interamente erogato a Taranto, sarà caratterizzato dall’utiliz­zo di laboratori, quali il neo-costituito Laboratorio Interdisciplinare di Stampa 3D, e da un forte orientamento industria­le, con lezioni erogate da docenti prove­nienti dal mondo aziendale e percorsi di eccellenza, previsti all’interno di aziende multinazionali e locali.

Molti laureati triennali del Politecnico, inclusi tutti i laureati in Ingegneria dei Sistemi Aerospaziali, potranno iscriversi senza debiti formativi al nuovo corso, se­lezionando il curriculum “Industria So­stenibile” all’atto dell’iscrizione alla lau­rea in Ingegneria Meccanica Magistrale.

Altra novità importante, il corso di Lau­rea Magistrale in Medicina e Chirurgia, su cui interviene l’assessore regionale Mino Borraccino: «E’ con grande sod­disfazione che ho partecipato alla Ta­vola Rotonda su “Patto per l’Università – I nuovi saperi”, a Taranto. Sono inter­venuti Carmine Carlucci, presidente del Comitato Qualità della Vita, Francesco Fischetti, direttore del dipartimento di Scienze dello sport di Bari, ed altri rap­presentanti dell’Università, del Politec­nico, del Conservatorio “Paisiello”, del Comune, della Provincia, dell’Asl, della Marina Militare, della Soprintendenza, dei Centri di Ricerca e del Consorzio Mari di Taranto.

Lo scorso mese di giugno l’Università di Bari – che ha recentemente modificato il proprio statuto, definendo l’Università “Aldo Moro” Università di Bari, Brindisi e Taranto – ha completato le schede per l’offerta formativa, prevedendo l’attiva­zione a Taranto del Corso di Laurea Ma­gistrale a ciclo unico in Medicina e Chi­rurgia per il prossimo anno accademico 2019/20. La decisione dell’Università di Bari, Brindisi e Taranto recepisce sia l’e­sigenza di un maggior numero di laureati in Medicina a seguito delle notizie che danno in notevole aumento il numero dei medici che andranno in pensione nei prossimi anni, sia l’estrema necessità di rafforzamento di tutti i presidi sanitari per rispondere alle particolari esigenze ambientali e sanitarie del territorio ta­rantino.

Il Corso avrà 60 studenti iscritti al primo anno.

L’attivazione è stata possibile grazie al sostegno finanziario della Regione Pu­glia, che consentirà il reclutamento di cinque Ricercatori universitari e la cli­nicizzazione di posti letto presso il l’O­spedale “SS. Annunziata”, ritenuti indi­spensabili per lo svolgimento di tutta una serie di attività assistenziali strettamente legate alla didattica e alla ricerca, e gra­zie al sostegno del Comune di Taranto (che finanzierà un posto di Ricercatore), nonchè alla piena intesa con l’Asl di Ta­ranto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche