15 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Giugno 2021 alle 17:29:48

Cronaca News

Aeroporto, i dubbi del M5S e di Forza Italia

La pista dell’Arlotta
La pista dell’Arlotta

«Siamo certi che ad oggi i numeri siano talmente alti da giustificare e promuovere i voli civili?». È la domanda che pone l’onorevole Alessandra Ermelli­no (M5S).

«Un altro elemento, poi – afferma la depu­tata – riguarda i costi, si dovrebbe affron­tare la questione che probabilmente per il gestore sarebbe maggiormente fruttuoso offrire il servizio civile solo a fronte di una copertura dei costi di assistenza». L’on. Ermellino lamenta inoltre «la mancanza di una progettualità comune in grado di cogliere anche visioni alternative, magari legate al potenziamento della sperimen­tazione e dell’aerospazio, anche alla luce del bando MiSE in scadenza a fine ottobre 2019 per il finanziamento di progetti di ri­cerca e sviluppo nel settore dell’aerospazio civile».

Nota polemica da parte dell’on.Vincen­za Labriola (Forza Italia): «Auspico che l’annuncio di Emiliano non sia solo uno spot elettorale, perché se così non fosse dovrebbe dare una visione più ampia della riorganizzazione generale della mobilità in Puglia. Se però non è una farsa, non basta annunciare finanziamenti, ma progetti con­creti e tempi di realizzazioni certi».

E veniamo ai movimenti. Per Alfredo Lu­igi Conti di “Taranto, diritto di volare” «quello che è stato presentato è l’inizio di un progetto che andrà a buon fine nei prossimi anni per tutto il territorio della provincia». Conti si dice «fiducioso», sulla posisbilità che Grpottaglie possa concreta­mente diventare «un aeroporto interregio­nale al servizio delle province esposte al mar Jonio (Puglia, Basilicata e Calabria), sia per il trasporto passeggeri che per le merci, quest’ultimo, finalmente da utilizza­re, sfruttando la pista più lunga dell’Italia meridionale».

Perplessità vengono invece espresse da Federico Greco, Coordinatore provinciale di Libertas, che bolla la presentazione di sabato come «una passerella elettorale che sfrutta un argomento importante e sentito da parte della popolazione tarantina».

Per Greco pesa «l’assenza del promesso e ripromesso bando per le compagnie che volessero atterrare nello scalo jonico».

Infine, la polemica sul luogo dove si è te­nuta la conferenza di presentazione del progetto. A sollevarla è Mario Bonfrate (Sud in movimento), assessore alle attivi­tà produttive del comune di Grottaglie: La presentazione sarebbe stato giusto svolger­la all’interno della struttura aeroportuale, coinvolgendo tutte le realtà che negli ultimi tre anni hanno collaborato alla progettuali­tà dello stesso, ma così non è stato e infatti le assenze si notavano; dalle associazioni ai movimenti locali, tutti assenti». In verità i rappresentanti di alcuni movimenti pro areoporto erano presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche