20 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Presentazione della Festa della pizza a Mottola
Presentazione della Festa della pizza a Mottola

MOTTOLA – Attraverso una proposta gastronomica di qua­lità, curata nel dettaglio e avva­lorata da una valida offerta di intrattenimento musicale, pro­muovere e sponsorizzare il terri­torio, anche in termini turistici e rendere omaggio a chi ha porta­to la tradizione della pizza napo­letana nella ristorazione locale: Andrea Sacco “ù napoletan”, al quale l’evento è dedicato.

E’questo l’obiettivo della Festa della Pizza, alla sua 5^ edizione, in programma a Mottola dal 7 al 12 agosto dalle ore 20, presso la zona panoramica delle “Ter­razze del Mezzogiorno”, in via Matteotti.

Un evento organizzato da “Mot­tola Città del gusto” col patro­cinio del Comune, pensato per “saziare una certa fame di tra­dizione”.

Mercatini dell’hobbistica e dell’artigianato, gonfiabili per i più piccoli, una zona passeggio e un’area con 1.600 posti a se­dere con tanto di tavolini, per degustare la pizza, ascoltando musica dal vivo, godendosi il panorama su uno splendido af­faccio sul golfo dello Ionio. Dei forni a legna, ben otto, arrivati da Campagna (Salerno), uno sarà dedicato agli intolleranti al lattosio e al glutine con pizze preparate sul momento.

Uno staff, quello che è al lavo­ro da mesi, di tutto rispetto, tra riconferme e new entry: l’archi­tetto Carmine Chiarelli, pro­gettista dell’evento; Alessandro Napolitano, docente presso l’Ac­cademia dei Due Mari di Ta­ranto, cui è affidata la direzione artistica; Luigi Notarnicola, che si occupa della grafica e comu­nicazione; il fotografo Giuseppe Laera. Tra le new entry, Dome­nico D’Onghia (consulente per la sicurezza); Francesco Ama­tulli (responsabile della sicurez­za); Cosima Ferrara (comunica­zione sociale); Mirko De Fiori (responsabile della logistica). Il tutto, sotto la regia di Franco Conforti, presidente associazio­ne “Mottola Città del Gusto”.In­gresso di un euro per gli adulti, gratis per i bambini sino ai 14 anni. Consumazione facoltativa. Chi deciderà di partecipare alla Festa potrà decidere se gustare solo pizza, scegliendo ogni gior­no tra margherita, quella farcita e una gourmet; prendere solo una bevanda alla spina o solo un gelato o pacchetto completo o godersi soltanto lo spettacolo musicale, pensato e studiato per tutti i palati musicali dal diret­tore artistico Alessandro Napo­litano, docente presso l’Accade­mia dei Due Mari di Taranto.

“Questa festa – spiega Confor­ti – è partita in maniera del tut­to sperimentale cinque anni fa. Quasi tutti i pizzaioli di Mottola coinvolti, nel 2015 decisero di scendere in campo, in maniera sinergica per tentare di dare vita a un’iniziativa che potesse dare lustro a un prodotto gastronomi­co, sua maestà la pizza, ormai entrata di diritto nella tradizione della ristorazione locale. Il nu­mero delle presenze registrate ha reso quell’iniziativa un even­to vero e proprio”.

“Abbiamo cercato di acconten­tare il palato, ma anche i vari gusti musicali, tenendo anche conto delle diverse fasce di età del pubblico – spiega Napolita­no – per questo, il ventaglio delle proposte musicali e di spettaco­lo in programma per questa fe­sta è molto ampio. Nel program­ma, spaziando a 360 gradi tra i diversi generi musicali, abbiamo coinvolto anche band e gruppi locali, dal momento che, in que­sti giorni, sarà presente a Mot­tola l’editore musicale Antonello Martina: magari qualche talento musicale nostrano sarà notato e lanciato verso il successo”.

E, poi, il coinvolgimento di Tony Monaco, uno dei più grandi spe­cialisti dell’organo Hammond, Fabio Zeppetella, Gianfranco Menzella e l’Ohm, la band uf­ficiale dei Pink Floyd, i Nitro­phoska e tanti altri artisti.

Ad aprire la prima serata, quella del 7 agosto, saranno Marianna Cataldi, una delle più affermate vocal coach italiane e Mario Ro­sini, special guest.

“La Festa della pizza è vetrina e, al tempo stesso, volano promo­zionale per Mottola”. Non hanno dubbi il sindaco Giampiero Ba­rulli e Crispino Lanza, assesso­re alla Cultura, convinti che, si tratti di “un evento clou dell’e­state mottolese, capace di por­tare a Mottola grandi numeri, in termini di presenze. Le 136mila dello scorso anno non sono uno scherzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche