25 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca News

Blitz in Città Vecchia, arresti e denunce

Segnalazioni sono scattate anche per furto di energia elettrica

I controlli di polizia in Città Vecchia
I controlli di polizia in Città Vecchia

Blitz ieri mattina, in Città Vecchia, degli agenti della Squadra Mobile, in collaborazio­ne con la Polizia Locale, i tecni­ci dell’Enel e l’Unità Cinofila di Bari.

Posti di blocco sulle principali vie di accesso al borgo antico sul Pon­te di Pietra e sul Ponte Girevole. Più di 150 i veicoli controllati e 200 le persone identificate. Venti tra vetture e scooter sequestrati per mancanza di copertura assi­curativa. Numerose sono state le perquisizioni domiciliari a pre­giudicati effettuate da parte degli agenti della Squadra Mobile.

Grazie all’Unità Cinofila di Bari, sono state rinvenute diverse quan­tità di cocaina e hashish abbando­nate per strada o nelle auto. Rin­venuto anche, all’interno di uno stabile abbandonato, il castello di una pistola.

I Falchi della Squadra Mobile han­no arrestato un 24enne sorpreso a cedere sostanza stupefacente ad un 36enne tarantino, più in particolare 4 dosi di cocaina suddivisa in in­volucri di cellophane. All’interno del borsello in uso all’arrestato la somma di 252 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio, soldi ritenuti provento dell’attività illeci­ta. La perquisizione, estesa anche alla sua abitazione, ha consentito di rinvenire altri 780 euro.

Altro arresto, sempre per spaccio di sostanza stupefacente, da parte della Squadra Volante nei con­fronti di una persona sottoposta alla libertà vigilata. Rinvenuto un involucro contenente cocaina per un peso di 26 grammi. I Falchi hanno denunciato inoltre per spac­cio un 20enne tarantino, trovato in possesso della somma di 110 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio e le chiavi di un de­posito situato nelle vie del borgo antico. La perquisizione domici­liare ha consentito di rivenire una stecchetta di hashish del peso di circa 10 grammi. Denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale dai Falchi un pregiudicato tarantino che, all’atto del controllo, ha co­minciato a beffeggiarli e ad offen­derli. È stato trovato in possesso di una bottiglietta di metadone. La Divisione Polizia Anticrimine ha arrestato un tarantino, già detenu­to ai domiciliari, su provvedimen­to della Procura di Taranto doven­do scontare la pena di tre anni e due mesi per rapina in concorso e violazione della legge sulle armi. La Volante ha denunciato per fur­to di energia elettrica, in piazza Democrate una 32enne tarantina, titolare della licenza di un mini bar allacciato abusivamente al palo della rete elettrica pubblica. I proprietari di due appartamenti sono stati denunciati per furto ri­spettivamente di energia elettrica e di gas, avendo creato un passan­ te per consentire l’allaccio abusi­vo alla rete elettrica pubblica. Il Commissariato Borgo ha arresto un cittadino russo, residente a Manduria su esecuzione dell’or­dine di carcerazione emesso dalla Procura di Taranto.

Ricoverato all’ospedale Ss. An­nunziata per una frattura al brac­cio provocata da una caduta ac­cidentale, è risultato destinatario del provvedimento giudiziario per aver commesso diversi reati di minaccia aggravata e detenzione illegale di armi. “I servizi svolti in Città Vecchia – dice il questo­re Giuseppe Bellassai – si inseri­scono nel più ampio Progetto di Controllo Integrato del Territorio, con il coinvolgimento dei diversi settori di intervento propri della Polizia di Stato: il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti e alla detenzione illegale di armi e munizioni, il controllo ai detenuti domiciliari, la verifica sul posses­so dei titoli di soggiorno.

Le violazioni al Codice della Stra­da, come il mancato uso del casco protettivo o delle cinture di sicu­rezza, spesso sono il segnale di quel sentimento di illegalità e di assenza di senso civico che va av­versato. I reati minori, molto dif­fusi, hanno ricadute notevoli sui cittadini onesti e corretti e sulla stragrande maggioranza dei citta­dini di Taranto. Così, le strategie di contrasto al crimine potranno essere più efficaci se preliminar­mente si affermano la coscienza civile ed il rispetto dell’altro.

La collaborazione con la Polizia Locale è fondamentale per ag­gredire su più fronti il fenomeno dell’illegalità, a volte legato anche a situazioni di degrado sociale: ognuno, per la propria parte, deve contribuire a migliorare le condi­zioni di vivibilità dei cittadini, per accrescere il loro senso di fiducia. Non a caso, i servizi vengono svolti proprio in un quartiere im­portante come la Città Vecchia: è da qui che deve partire la rinascita di una città che ha tanto da rac­contare“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche