x

21 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 21 Maggio 2022 alle 00:12:00

Cronaca News

Aia e tutele, i nodi vengono al pettine

ArcelorMittal
ArcelorMittal

L’immunità e la revisione dell’A­ia. I nodi sono arrivati al pettine e lo scontro si è fatto pericolosa­mente più cruento.

Andiamo per ordine: nel decreto imprese è stata introdotta una norma che prevede tutele legali vincolate al rispetto del piano ambientale. Una sorta di immu­nità vincolata, insomma, che il ministro Luigi Di Maio ha pre­sentato come «“norma di equi­librio». Detta così sembrerebbe una configurazione normativa accettabile che consentirebbe ad Arcelor Mittal di portare a termi­ne il piano ambientale senza con ciò dover rispondere di eventuali situazioni pregresse. Allo stesso tempo Di Maio ha avuto parole dure per l’azienda, tacciata di aver assunto un atteggiamento ricattatorio.

Ora, il testo di questa norma sulle tutele a scadenza non è ancora noto. Sembra che non sia stato diffuso nemmeno ai parlamen­tari. I dubbi: è troppo morbido e Di Maio, già di suo in grave difficoltà politica per le vicissi­tudini del governo, teme ulteriori contraccolpi all’interno del suo stesso partito? Oppure il ministro vuole tenere sulla corda Arcelor Mittal, anche alla luce delle recenti esternazioni che sono arrivate dai vertici aziendali? O ancora si tratta di un testo che potrebbe suscitare una reazione aziendale poi difficile da gestire?

Poi c’è la questione dell’Aia – tema forse ancora più sensibile – con le durissime dichiarazioni del sindaco Melucci e l’imme­diata replica di Arcelor Mittal.

Si viaggia, insomma, su un filo sottilissimo. La sensazione è che basterebbe un soffio per far per­dere un equilibrio così precario.

Su troppe ambiguità si è giocato in questi mesi. E i nodi, prima o poi, vengono al pettine.

Enzo Ferrari
Direttore responsabile

2 Commenti
  1. Giovanni maraglino 3 anni ago
    Reply

    La realtà purtroppo è solo una… ArcelorMittal è venuta a Taranto con un solo scopo : quello di fare soldi a qualsiasi costo…. E per come si stanno comportando sembrano estremamente più spietati dei loro predecessori…… Ancora una volta qualcuno accoglie il nuovo come fosse un salvatore…. Non certo dei tarantini e di questo territorio così a lungo violentato

  2. Cosimo 3 anni ago
    Reply

    E inutile girare e rigirare la frittata deve chiudere anche per il rispetto di tutti i lavoratori morti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche