News Provincia

Cia Due Mari visita masserie

Tanti partecipanti all’evento promosso dalla Confederazione agricoltori a Crispiano

L'iniziativa della Cia nelle masserie di Cispiano
L'iniziativa della Cia nelle masserie di Cispiano

CRISPIANO – Si è conclusa l’ottava edizione della manifestazione organizzata dalla Cia Due Mari, “Masserie sotto le stelle insieme con la pizzica”, con un grande successo di pubblico e oltre trecento i partecipanti. Due le masserie visitate in questa edizione, Masseria Amastuola e Masseria Francesca entrambe in agro di Crispiano, il territorio delle cento Masserie. Oltre trecento i partecipanti giunti sul posto con quattro pullman messi a disposizione dagli organizzatori da Castellaneta e da Castellaneta Marina, e numerose le autovetture al seguito. I partecipanti alla manifestazione avevano età diverse comprese dai sei agli ottanta anni.

Nella masseria Amastuola, all’arrivo dei partecipanti, il titolare Filippo Montanaro ha illustrato la storia della masseria che è posizionata su un altopiano a 210 metri sul livello del mare. Masseria Amastuola è circondata da circa 170 ettari di terreno, per la maggior parte coltivati a vigneto, con ulivi secolari e muretti a secco. Amastuola è una masseria a corte chiusa, che dispone di un grande cortile a cui si accede da due portoni; verso sud, una porticina svela un suggestivo scorcio sul golfo. Il vigneto giardino Amastuola racchiude due concetti quali funzionalità ed estetica; i filari di viti sono stati impiantati sulla base del disegno pensato dal grande paesaggista Fernando Caruncho: Le spalliere delle viti disegnano onde armoniche e parallele che si susseguono per circa 3 km. Dallo stesso autore sono state definite “onde del tempo che attraversano fin dall’antichità questo luogo”. Inoltre, 1.500 ulivi secolari sono stati risistemati nelle 24 isole organicamente posizionate su tutta la superficie del vigneto e lungo le strade storiche della masseria. Gli ulivi impiegati sono il frutto di un’opera di recupero storico-monumentale. Il Cnrdi Perugia ha datato e censito tutti gli ulivi: alcuni hanno 800 anni di vita e il diametro di che supera i 2,5 metri.

A seguire la carovana si è trasferita presso Masseria Francesca; ad attendere i visitatori Michele Caroli titolare della masseria e Michele Conserva responsabile della ristorazione. Ed è stato proprio Michele Caroli che con il suo Cyrius, uno splendido esemplare di cavallo razza Murgese, si è esibito in una suggestiva performance di pizzica pugliese insieme ad una esperta ballerina. Masseria Francesca si trova a qualche chilometro dal borgo di Crispiano, in provincia di Taranto, nel bel mezzo di insediamenti rupestri, boschi, canyon selvaggi, macchia mediterranea vigneti e uliveti ultra centenari. Masseria Francesca è un’amena dimora contadina del settecento sede dell’Accademia Italiana di Arte Equestre con al suo interno un allevamento di cavalli di razza Murgese; In entrambe le masserie sono state consegnate targhe a ricordo della manifestazione dal Presidente di Ases Cinzia Pagni e dal Presidente Cia Due Mari Pietro De Padova. A corollario della serata la Meridio Popular Bnd ha deliziato i presenti con musiche popolari. Ovviamente non potevano mancare i balli a cura della associazione Gaia e curati dalla maestra Carmela Losito e una quadriglia paesana comandata in dialetto castellanetano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche