28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Settembre 2021 alle 20:59:00

Cronaca News

Giallo di Mottola, la verità può venir fuori dall’autopsia

L'istituto di Medicina Legale dell’Università di Bari
L'istituto di Medicina Legale dell’Università di Bari

MOTTOLA – L’esame autoptico, che sarà eseguito nell’istituto di Medicina Legale dell’Università di Bari, potrà svelare il giallo sulla morte di Domenico Bello. Le indagini sono corodinate dall sostituto procuratore Giorgia Villa. Il trentaduenne mottolese, che era scomparso dal 12 agosto scorso, nella tarda mattinata di mercoledì è stato rinvenuto privo di vita ai piedi di una scarpata situata nei rpessi di una vasca per il recupero delle acque meteoriche, non lontano dalla stazione ferroviaria Palagiano-Mottola.

Durante una battuta era stata ritrovata la sua moto, nei pressi di una masseria. A cercare Domenico i mezzi dei Vigili del fuoco, dei Carabinieri e della Protezione civile. Alla battuta hanno partecipato anche i cani molecolari di Castellana Grotte, Fasano e del coordinamento regionale dei Vigili del fuoco di Lecce. L’intera operazione è stata coordinata dai carabinieri del Comando provinciale, della Compagnia di Massafra e della Stazione di Mottola. Nella tarda mattinata di mercoledì sono state due guardie giurate a rinvenire il corpo senza vita di Domenico Bello e ad avvertire immediatamente i carabinieri. Il corpo del giovane non presentava segni di ferite e, come detto, solo l’autopsia potrà chiarire le cause della morte. Nelle vicinanze del luogo in cui è stato rinvenuto privo di vita Domenico Bello sono state ritrovate le chiavi della sua moto e i suoi occhiali da vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche