Cronaca News

In auto con 6 chili di droga, presi due “corrieri”

Operazione dei “Falchi” della Squadra Mobile nel rione Tamburi

L'eroina sequestrata
L'eroina sequestrata

Operazione anti­droga della Polizia di Stato: due presunti “corrieri” presi con ben sei chili di eroina.

Gli agenti della sezione “Fal­chi” della Squadra Mobile han­no fatto cadere nella trappola due cittadini albanesi rispetti­vamente di ventiquattro e ven­tuno anni.

Sono stati arrestati per deten­zione ai fini di spaccio di so­stanza stupefacente.

Da alcuni giorni i poliziotti in borghese della Questura aveva­no pianificato mirati servizi di controllo nel quartiere Tambu­ri, perchè era stata segnalata la presenza di alcune persone che giravano presumibilmente ar­mate.

Mentre i “Falchi” stavano per­lustrando il rione hanno notato due auto, una Ford Mondeo e una Peugeot 206 che a velocità sostenuta con la classica “an­datura a staffetta” sono entrate nel quartiere che era tenuto sot­to controllo.

Sin da subito i polizotti, avendo ampia conoscenza della zona, hanno intuito che le due mac­chine notate in precedenza era­no difficilmente riconducibili ai residenti del quartiere e pertan­to hanno deciso di controllarle a distanza.

Quanto le due vetture si sono fermate, una affianco all’altra, gli agenti hanno deciso di inter­venire.

Il conducente della Ford Mon­deo che era già sceso dall’abi­tacolo è stato immediatamente bloccato mentre l’uomo a bordo della Peugeot ha cercato , pas­sando sul sedile del passeggero, di nascondere una busta di pla­stica sotto la sua autovettura. Il suo tentativo di nascondere il grosso involucro non è passato inosservato.

Gli altri poliziotti, infatti, lo hanno immediatamente fermato recuperando la busta con all’in­terno 12 panetti di eroina chiusi con del nastro adesivo per un peso di poco più di sei chilo­grammi.

I due fermati entrambi cittadi­ni albanesi, uno dei quali con specifici precedenti penali per traffico di droga, entrambi re­sidenti nella provincia barese , sono stati accompagnati negli uffici della Questura di via Pa­latucci e dopo le formalità di rito sono stati dichiarati in ar­resto.

Le due macchine, il carico di sostanza stupefacente e 895 euro in contanti, soldi che aveva uno dei due arrestati, sono stati posti sotto sequestro.

“L’ingente quantitativo di so­stanza stupefacente appena sequestrata – ha sottolineato il questore Giuseppe Bellassai – testimonia quanto il capoluogo jonico sia diventato un impor­tante crocevia nel traffico di droga e conferma, altresì, che i gruppi criminali della città per i quali esso è divenuto fon­te primaria di guadagni, hanno instaurato collegamenti sempre più solidi con fornitori di altre province ma anche con apparte­nenti a sodalizi criminali colle­gati, a vario titolo, a soggetti di nazionalità straniera.

I risultati ottenuti nell’attività di contrasto al fenomeno, non ulti­mo il sequestro di lunedì, sono la riprova di un mercato triste­mente fiorente ed interrogano sulla ampia diffusione dell’uso di droghe pesanti sul nostro ter­ritorio.

Per questo riteniamo il tema della lotta ai trafficanti ma an­che quello agli spacciatori al minuto prioritario ed intendia­mo assicurare sempre più, per questo, la nostra continua e co­stante presenza sul territorio”.

Proprio nei giorni scorsi era scattata una gigantesca opera­zione antidroga nel Nord Italia con ramificazione anche in altre regioni, tra le quali soprattutto la Puglia, che è punto di appro­do degli ingenti carichi di stu­pefacente provenienti dall’Al­bania.La Polizia di Stato aveva sgominato una banda di narco­trafficanti che operava sull’asse Italia- Albania con arresti a raffica e oltre cen to chilogram­mi di droga sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche