22 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Settembre 2021 alle 22:53:00

Cronaca News

Ruba corrente elettrica per 19mila euro, denunciato

Nei guai è finita anche la moglie di un 69enne

Furto di corrente elettrica
Furto di corrente elettrica

I carabinieri denunciano marito e moglie per furto di energia elettrica. Sono stati i militari della Stazione di Sava a segnalare, in stato di libertà, per furto aggravato di energia elettrica, un 69enne e la moglie 66enne, entrambi di Sava. I carabinieri con la collaborazione di una squadra di tecnici della Società “E-Distribuzione S.p.A.”, hanno effettuato un controllo presso l’abitazione dell’uomo, in atto sottoposto agli arresti domiciliari, durante il quale hanno accertato che il 69enne con la complicità della moglie, bypassando l’originario contatore Enel il cui contratto risultava cessato già dal 2006, aveva realizzato un allaccio abusivo direttamente alla rete elettrica pubblica, procurandosi un profitto quantificato in oltre 19.000 euro.

Nel fine settimana, invece, i carabinieri di Avetrana hanno arrestato un uomo per tentato omicidio. Era da poco passata la mezzanotte quando, in un bar del centro abitato di Avetrana, in presenza di numerosi avventori, un 31enne del posto, con precedenti di polizia e noto per la sua indole molesta, ha improvvisamente estratto un coltello, e ha sferrato due fendenti all’addome di un suo conoscente 23enne del posto, al culmine di una lite che, allo stato delle indagini, risulta scoppiata per futili motivi. Quando una terza persona, un 31enne, sempre di Avetrana, è intervenuto per difendere e soccorrere il ferito, è stato a sua volta accoltellato al torace dell’esagitato, il quale, a seguito dell’aggressione, è fuggita nelle vie adiacenti. I carabinieri della locale Stazione e della Sezione operativa della Compagnia di Manduria, prontamente giunti sul posto, dopo aver avviato le indagini che hanno consentito l’identificazione dell’aggressore, si sono messi sulle sue tracce, intercettandolo in strada, a poca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche