Cronaca News

Ospedale Ss. Annunziata, 2mila parti all’anno

I numeri del reparto di Ostetricia e Ginecologia del nosocomio di Taranto

Ospedale Ss. Annunziata

In relazione alla sospensione del punto nascita dell’ospedale “San Pio” di Ca­stellaneta, e al paventato esodo di neo-mamme verso ospedali della Basilicata, l’Asl di Taranto precisa che «stante il basso nu­mero di parti all’anno della neo­natologia di Castellaneta e date le caratteristiche del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’O­spedale “Ss. Annunziata” di Taranto, quest’ultimo è perfet­tamente in grado di accogliere e assistere tutte le neo-mamme provenienti dal versante oc­cidentale della provincia. Nei momenti di difficoltà, infatti, emerge la possibilità del siste­ma di supportarsi.

Nella definizione della rete dei punti nascita della Regione Pu­glia, secondo il modello Hub & Spoke (letteralmente moz­zo e raggi), l’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero Centrale SS. Annunziata è identificata come “Unità Operativa Ostetri­cia di II livello”, in quanto oltre ad assistere un numero di parti all’anno superiore a 1000, gesti­sce le gravidanze a rischio per madre e feto, grazie alla presen­za nella stessa struttura di Tin (Terapia Intensiva Neonatale) e di discipline specialistiche in numero e con intensità di cura più elevata. L’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia del Ss. Annunziata, diretta dal dott. Emilio Stola, con circa 2000 parti all’anno espletati (2075 nel 2017, 1983 nel 2018), è il secon­do punto nascita della Regione Puglia, nonostante il significati­vo decremento delle nascite an­che nella nostra regione. Viene promossa (così come da indica­zioni ministeriali), inoltre – evi­denziano dall’azienda sanitaria locale – l’attività di Medicina Materno Fetale (Mmf), che ri­chiede elevati livelli di compe­tenza ed esperienza multidisciplinare per erogare assistenza intensiva e post-intensiva. La funzione di tale attività di Mmf rappresenta, all’interno della rete di assistenza, il punto di riferimento per le gravide che presentano condizioni patologi­ che complesse e/o rare.

Il dr. Emilio Stola, direttore Ostetricia e Ginecologia
Il dr. Emilio Stola, direttore Ostetricia e Ginecologia

Per tutte queste sue caratte­ristiche, l’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia del Ss. Annunziata è identificata nel­la rete come Hub, ossia fulcro, centro di riferimento in grado di farsi carico dell’accoglien­za della madre e/o del neonato proveniente dai “propri” centri Spoke».

«Gli Spoke sono “Unità Opera­tive Ostetricia di I livello”, ossia quelle che assistono gravidanze e parti (500 – 1000 parti all’an­no), in età gestazionale pari o superiore a 34 settimane, in situazioni che non richiedono presuntivamente interventi di li­vello tecnologico e assistenziale elevato».

Presso l’Asl Taranto gli Spoke sono rappresentati dall’Unità Operativa di Ostetricia e Gi­necologia dell’Ospedale “San Pio” di Castellaneta e dall’Uni­tà Operativa di Ostetricia e Gi­necologia dell’Ospedale “Valle d’Itria” di Martina Franca.

«L’emergenza verificatasi nei giorni scorsi, con la tempora­nea sospensione dei ricoveri per parto presso l’Ospedale “San Pio” di Castellaneta – chiarisco­no dall’Asl – ha subito attivato le procedure per l’accoglienza del­le gestanti del territorio del Pre­sidio Ospedaliero Occidentale della provincia. Queste, segui­te negli ambulatori ospedalieri e territoriali della gravidanza, vengono temporaneamente ac­compagnate o indirizzate pres­so il Ss. Annunziata per l’esple­tamento del parto.

«Ad oggi, nel 2019 hanno par­torito al SS. Annunziata 1277 donne. Nell’ultima settimana sei pazienti provenienti dall’O­spedale di Castellaneta hanno felicemente partorito presso l’Ostetricia e Ginecologica del Ss. Annunziata, di cui cinque con parto vaginale ed una con taglio cesareo».

«Tutte hanno potuto vivere l’e­sperienza del parto ed essere accompagnate dal coniuge o dal familiare in sala travaglio e parto, e hanno avuto accanto a sé il neonato, secondo la pratica del rooming-in, sperimentando l’allattamento precoce al seno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche