News Politica

Il mondo politico saluta la nomina dei ministri “pugliesi”

I messaggi giunti da Emiliano, Fitto e Liviano

Teresa Bellanova
Teresa Bellanova

«Auguri al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed a tutti i nuovi Ministri del suo Governo». È il commento del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano affidato alla sua pagina facebook sulla formazione del nuovo Governo.

«Auguri speciali ai tre pugliesi Conte, Boccia e Bellanova che fanno parte del nuovo Governo! Un abbraccio pieno di orgoglio per Francesco Boccia, nuovo Ministro degli affari regionali, compagno di lotta per la Puglia e per l’Italia sin dal 2004. Un ringraziamento a Barbara Lezzi (ministro del Sud uscente, ndr) per il lavoro svolto sin qui». Anche l’eurodeputato Raffaele Fitto, copresidente del gruppo Ecr-Fratelli d’Italia, ha commentato la formazione del nuovo governo. «Il Conte-bis è uno dei governi più di sinistra che l’Italia abbia mai avuto. Un vero tradimento della volontà degli italiani che, nelle urne, avevano bocciato proprio partiti come Pd e Leu. Assurdo che ora insieme al Movimento 5 Stelle, nato per distruggere il Pd e cambiare l’Italia, governino solo per non perdere la poltrona.Una vera porcheria sia sul piano della politica sia sul piano della democrazia!».

Francesco Boccia
Francesco Boccia

E sulla formazione del nuovo Governo, ed in particolare riguardo alla nomina di due ministri pugliesi, interviene il consigliere regionale Gianni Liviano. «Apprendiamo con piacere della nomina degli onorevoli Francesco Boccia e di Teresa Bellanova a ministro per gli Affari regionali, il primo, e all’Agricoltura, la seconda ai quali vanno i nostri auguri per un proficuo lavoro all’interno della maggioranza giallorossa che si appresta a governare il nostro Paese». Così il consigliere regionale Gianni Liviano subito dopo la brevissima conferenza stampa nel corso della quale il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha reso nota la lista dei ministri che lo affiancheranno in questa nuova esperienza di governo. Un plauso, quello del consigliere Liviano, perché la scelta è caduta «su due persone, entrambe pugliesi, che conoscono benissimo le problematiche del Sud e che sapranno rimettere al centro dell’attenzione la Puglia e, in particolare, la città di Taranto. Poter contare su queste due figure all’interno della compagine di governo speriamo possa voler dire di poter contare su una sponda importante perché le tante questioni in ballo possano trovare adeguata attenzione e, possibilmente, soluzione.

Penso – aggiunge Liviano – a questioni come il completamento del Contratto istituzionale di sviluppo che sta facendo segnare un pericoloso impasse, all’Arsenale militare, al processo appena partito delle Zes che per la nostra città significherebbe un sostanziale rilancio del nostro sviluppo e del ruolo del nostro porto che, magari, con il completamento della catena del freddo, potrebbe compiere un definitivo balzo ed essere davvero centrale nel Mediterraneo. Per non parlare dell’importanza della nostra industria agro-alimentare. Con la nomina di Francesco Boccia agli Affari regionali, inoltre, potremo contare su un attento guardiano del progetto di Autonomia differenziata che, così come pensato dal precedente governo sotto la spinta della Lega, rischia di penalizzare ulteriormente le regioni del Mezzogiorno d’Italia. Insomma, l’auspicio è che il nuovo governo torni ad assegnare nella sua agenda un ruolo centrale alla città di Taranto. Ripeto – conclude il consigliere regionale tarantino – già solo facendo ripartire il Cis e dando gambe alle Zes la nostra città potrebbe contare su una forte forza propulsiva».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche