Altri Sport News Sport

In bicicletta per i bambini di Taranto

Da Bergamo al Santissima Annunziata: partita l’impresa su due ruote di Giuseppe Russo

In bicicletta per i bambini di Taranto
In bicicletta per i bambini di Taranto

Dalla Puglia a Bergamo, dove lo ha condotto la vita, in un percorso di emigrazione che accomuna tanti figli di questa terra. Adesso, il percorso inverso, da Bergamo a Taranto, in bicicletta, per una lunghissima pedalata che in dieci giorni lo (ri)porterà qui. È cominciata l’avventura di Giuseppe Russo, trentatreenne biker originario del tarantino e residente a Comun Nuovo nel bergamasco, che ha lanciato l’iniziativa “Bergamo Taranto bike tour – Liberalità per i bambini di Taranto”. L’obiettivo è arrivare a destinazione il 12 ottobre e, soprattutto, portare un gesto di solidarietà a quei bambini tarantini costretti a lottare contro la malattia.

Un percorso in sella, da nord a sud, per raccogliere fondi da devolvere agli spazi di oncoematologia pediatrica del Santissima Annunziata, che saranno intitolati a Nadia Toffa. Proprio la giornalista scomparsa nello scorso mese di agosto – il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha annunciato con un tweet che le sarà assegnato il premio “Radice di Puglia” per l’ambiente – è stata al centro del toccante ricordo fatto dalle ‘sue’ Iene nella puntata andata in onda martedì sera; quelle Iene che hanno sottolineato proprio l’iniziativa di Giuseppe Russo nel dare la notizia della prossima intitolazione del reparto. La prima tappa, ieri mercoledì 2 ottobre, da Bergamo a Parma, è stata preceduta da una “sorpresa” dietro la quale c’è lo zampino di Ignazio D’Andria: un incontro proprio con la famiglia di Nadia Toffa, che ha augurato buon viaggio al biker. Su Facebook Giuseppe Russo ha dato vita ad un profilo (Bergamo – Taranto bike tour “Liberalità per i bambini di Taranto”) che è un vero e proprio diario di viaggio, e nel quale sono presenti anche le modalità con le quali contribuire all’iniziativa. Scrive Giuseppe: «In molti, forse tanti, mi hanno chiesto: “ma viaggerai da solo?” La mia risposta è sempre stata la stessa, “si viaggerò solo”, in totale solitaria per 11 giorni in giro per l’Italia; conoscerò nuova gente, nuovi posti e conoscerò anche un pò me stesso con i miei limiti.

Un’altra cosa è certa, quella maglia la porterò sempre con me, la esporrò ovunque andrò e ovunque mi fermerò, perché proprio quella maglia rappresenta il simbolo dell’amore sia di tante persone che di un’iniziativa nata da una persona speciale, Ignazio D’Andria, con la collaborazione di tutti gli amici del mini bar, l’associazione Arcobaleno nel cuore e di Nadia Toffa; iniziativa speciale creata per non lasciar soli i bambini di Taranto. Quella maglia, insieme al sorriso dei bambini che sono andato a trovare il mese scorso in reparto, mi daranno la forza per arrivare a Taranto con il cuore pieno di gioia». Per questa impresa la divisa «è stata realizzata e donata dal team BonfantiRacingTeam con la collaborazione del mio presidente Roberto Bresciani e il capitano Alessandro Buttè, che ringrazio di cuore» dice Giuseppe nel suo personale diario telematico. «Ci tengo a far notare che la divisa, in particolar modo sulle maniche, è caratterizzata dai colori che rappresentano le due città, di inizio e fine, rispettivamente giallo/rosso Bergamo e rosso/ blu Taranto». La prestigiosa azienda Olmo, produttrice di biciclette, ha realizzato la Giuseppe for Giuseppe, che verrà successivamente messa all’asta. «Le mie emozioni sono davvero tante» continua «un mix di sentimenti che sovrastano i miei pensieri, paure, ansie, felicità, preoccupazioni, gioie … in molti mi hanno chiesto, ‘’sei pronto?’’ … ‘’si sono pronto’’ perchè a dir la verità il mio unico pensiero sono quei piccoli che il 12 ottobre raggiungerò con tutte le mie forze».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche