News Spettacolo

Rossella Pavoncelli, obiettivo Miss Globe

La tarantina rappresenta l’Italia al concorso internazionale

Il concorso Miss Globe
Il concorso Miss Globe

Una bellezza ta­rantina, Rossella Pavoncelli, in un concorso di livello in­ternazionale. A rappresenta­re l’Italia all’edizione 2019 di Miss Globe che è in corso di svolgimento in Montenegro è infatti proprio una figlia della nostra terra.

Rossella Pavoncelli
Rossella Pavoncelli

Sicuramente quella che è già partita, e che si concluderà poi con la serata finale del 21 ottobre, è un’esperien­za affascinante per la bella Rossella Pavoncelli, ed una grande emozione per amici e familiari. L’edizione 2019 di “The Miss Globe Beauty Pa­geant” (sito internet: www. themissglobe.com) si svolge a Dulcigno (Ulcinj), una perla turistica nel sud del Monte­negro, ed è in uno lussuoso resort della cittadina balca­nica che si vivrà il momento cruciale del concorso, che si svolge ogni anno e che nel 2018 ha visto trionfare la rappresentante della Cina. Il concorso di bellezza, che ha prestigio e valenza internazio­nale, è organizzato dalla De­liart Association, ed ha base in Canada.

Quindi, una sfida davvero ‘globale’ per la giovane ta­rantina, che ha già importanti esperienze nel campo della moda come modella e che in questa occasione si confron­terà con ragazze provenienti davvero da tutto il mondo. La finale sarà trasmessa su You­Tube, il 21 ottobre, in diretta streaming.

Si è svolta invece a Carosino la finale di Miss Progress In­ternational 2019, evento or­ganizzato da Giusy Nobile e Giuseppe Borrillo. A vincere la colombiana Vanesa Giral­do Lopez, con il suo progetto sull’occupazione sostenibile per gli indigeni della foresta amazzonica. La manifesta­zione si è tenuta nel teatro comunale. Borse, bracciali, diademi, collane, copricapo e souvenir fatti da materiali naturali e riciclabili, come la fibra degli alberi, con colo­razioni di undici tonalità di­verse, acquisite da compo­nenti vegetali come il giallo dallo zafferano, il nero dalla foglia dell’oreas de burro e il verde dalla foglia della pal­ma del chontaduro, piante che crescono rigogliose nella zona colombiana della fore­sta amazzonica. Vanesa, che succede ad un’altra colom­biana, Eyra Baquero, è stata premiata da Giusy Nobile e Giuseppe Borrillo, rispettiva­mente presidente e direttore del concorso. La sostenibilità ambientale, dunque, resta al centro del dibattito mondiale, ma l’inizio dello spettacolo è stato all’insegna dell’integra­zione culturale, con l’ingres­so in scena delle concorren­ti nei loro sfavillanti costumi tradizionali e, tra essi, quello indossato dall’etiope Kisanet Molla è stato premiato come il più bello. Le concorrenti sono state accompagnate in scena dalla proiezione della nuova edizione di “Profili del mon­do”, realizzata dal fotografo Antonio Zanata. Tutte le con­correnti sono state ritratte di profilo, in bianco e nero, con i caratteristici costumi nazio­nali, simboli di identità cultu­rale. La più votata su internet è stata l’honduregna Heather Rodriguez. Gli altri ricono­scimenti sono stati asse­gnati all’americana Gabriella Ochoa per l’integrazione cul­turale, alla stessa colombiana Vanesa Giraldo Lopez per il progetto dedicato all’ambien­te, a Sarah Margarette Joson dalle Filippine per la salute e alla nigeriana Kome Adheke per i diritti umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche