18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Attualità News

Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta. Da Bergamo in bicicletta per i bambini tarantini

È previsto per domani, sabato, l’arrivo in cit­tà del ciclista

Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta
Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta

È previsto per domani, sabato, l’arrivo in cit­tà del ciclista Giuseppe Russo. Partito da Bergamo il 2 otto­bre, Giuseppe ha attraversato l’Italia in bicicletta per il suo progetto Bergamo-Taranto Bike Tour “Liberalità per i bambini di Taranto”, a cui è collegata una raccolta fondi per il repar­to oncoematologico pediatrico dell’Ospedale Ss Annunziata di Taranto; il reparto ospedaliero realizzato grazie all’iniziativa degli “Amici del Mini Bar” e dell’Associazione Arcobaleno nel cuore. Madrina dell’inizia­tiva, basata sulla vendita delle ormai celebri t-shirt “Ie Jesche Pacce Pe Te”, è stata la

Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta
Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta
Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta
Giuseppe Russo, Taranto ti aspetta

sfortunata Nadia Toffa, a cui il reparto sarà intitolato. Giusep­pe Russo arriverà al Mini Bar di Ignazio D’Andria attorno al mezzogiorno di sabato per poi arrivare all’ospedale Ss Annun­ziata. All’iniziativa ha preso parte, attraverso una raccolta fondi tra gli associati, anche la Mtb Taranto Bikers insieme ad altre associazioni del territorio come Black Lion (Statte), Te­baide (Massafra) e Terranostra (Crispiano), che “scorteranno” Giuseppe a partire dal suo arri­vo sul Ponte di Pietra.

La prima tappa del percorso del trentrenne biker originario della provincia ionica e poi emigrato in Lombardia, da Bergamo a Parma, è stata preceduta da una “sorpresa” dietro la quale c’è lo zampino di Ignazio D’Andria: un incontro proprio con la fa­miglia di Nadia Toffa, che ha augurato buon viaggio al biker.

Su Facebook Giuseppe Russo ha dato vita ad un profilo (Ber­gamo – Taranto bike tour “Libe­ralità per i bambini di Taranto”) che è un vero e proprio diario di viaggio, e nel quale sono pre­senti anche le modalità con le quali contribuire all’iniziativa.

Scrive Giuseppe: «In molti, for­se tanti, mi hanno chiesto: “ma viaggerai da solo?” La mia ri­sposta è sempre stata la stessa, “si viaggerò solo”, in totale so­litaria per 11 giorni in giro per l’Italia; conoscerò nuova gente, nuovi posti e conoscerò anche un pò me stesso con i miei li­miti.

Un’altra cosa è certa, quella maglia la porterò sempre con me, la esporrò ovunque andrò e ovunque mi fermerò, perché proprio quella maglia rappre­senta il simbolo dell’amore sia di tante persone che di un’ini­ziativa nata da una persona spe­ciale, Ignazio D’Andria, con la collaborazione di tutti gli amici del mini bar, l’associazione Ar­cobaleno nel cuore e di Nadia Toffa; iniziativa speciale creata per non lasciar soli i bambini di Taranto.

Quella maglia, insieme al sorri­so dei bambini che sono andato a trovare il mese scorso in re­parto, mi daranno la forza per arrivare a Taranto con il cuore pieno di gioia».

Per questa impresa la divisa «è stata realizzata e donata dal team BonfantiRacingTeam con la collaborazione del mio pre­sidente Roberto Bresciani e il capitano Alessandro Buttè, che ringrazio di cuore» dice Giu­seppe nel suo personale diario telematico. «Ci tengo a far no­tare che la divisa, in particolar modo sulle maniche, è caratte­rizzata dai colori che rappresen­tano le due città, di inizio e fine, rispettivamente giallo/rosso Bergamo e rosso/blu Taranto».

La prestigiosa azienda Olmo, produttrice di biciclette, ha rea­lizzato la Giuseppe for Giusep­pe, che verrà successivamente messa all’asta.

«Le mie emozioni sono davvero tante» continua «un mix di sen­timenti che sovrastano i miei pensieri, paure, ansie, felicità, preoccupazioni, gioie … in mol­ti mi hanno chiesto, ‘’sei pron­to?’’ … ‘’si sono pronto’’ perchè a dir la verità il mio unico pen­siero sono quei piccoli che il 12 ottobre raggiungerò con tutte le mie forze».

Un’iniziativa, quella di Giusep­pe Russo, che merita il sostegno di Taranto e dei suoi cittadini, che potranno abbracciare que­sto ragazzo che davvero sta compiendo un’impresa degna di applausi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche