Altri Sport News Sport

Duemila “spartani” a Cimino

La presentazione dell’edizione 2019 della Spartan Race a Taranto. Appuntamento sabato

La Spartan Race a Taranto
La Spartan Race a Taranto

Duemila atleti di ogni fascia d’età, provenienti da tutto il mondo (oltre quaranta le nazionalità presenti), daran­no vita sabato 19 al parco Ci­mino (apertura villaggio alle ore 7.30) alla quarta edizione tarantina della Spartan Race, presentata ieri mattina a Pa­lazzo di Città. Il “patron” della manifestazione, Angelo Zome­gnan, con un lungo passato di affermato giornalista sportivo, non nasconde la soddisfazione per la crescita in tutti questi anni dell’evento in riva ai due mari, dove le gare si sono eleva­te di livello passando dalla fase dell’amatorialità per entrare in quella delle competizioni. Zo­megnan nel contempo mostra rammarico per l’unica giornata di gare riservata al capoluogo jonico, a causa di un turn-over con le altre città da rispettare.

Ma già si lavora all’edizione 2020, per cui l’organizzazione sta armonizzando il calendario degli eventi in modo da riserva­re due giornate alla nostra città.

In ogni modo Taranto potrà godere di una promozione turi­stica di tutto rispetto, con docu­mentari proposti sulle piattafor­me di Sky (Arena e Sky Sport) e addirittura della Cbs, la celebre emittente televisiva statuniten­se. Ciò, senza contare che parco Cimino, teatro delle gare, sarà lo scenario dello spot del nuovo modello del pickup di una casa automobilistica giapponese, che sarà diffuso sui circuiti Media­set.

La Spartan Race a Taranto
La Spartan Race a Taranto

Taranto, ha continuato Zome­gnan, è entrata sempre più all’at­tenzione del quartier generale della Spartan Race, a Boston, con la prospettiva di diventare città simbolo della grande ker­messe sportiva in tutta Europa.

L’assessore comunale alle atti­vità produttive Gianni Cataldi­no ha parlato del grande cuore spartano della nostra città, mo­strato nella generosa accoglien­za dei profughi giunti ieri matti­na con la nave “Ocean Viking”. “L’essere spartani – ha detto – costituisce l’elemento essenzia­le della identità dei tarantini che va ulteriormente radicato”. Ca­taldino ha parlato con entusia­smo dell’evento della Spartan Race, di cui la città deve appro­priarsene ancor di più, eviden­ziando anche il ritorno, sia pure per un breve percorso del loro svolgimento, delle gare a mare, che vuol essere un segno dell’at­tenzione per questa importante risorsa che la caratterizza così profondamente e che l’ammi­nistrazione comunale intende valorizzare nei suoi vari aspetti. “La Spartan Race – ha conclu­so l’assessore – ci proietta alla importante tappa di Giochi del Mediterraneo; in questo perio­do di preparativi Taranto avrà la possibilità assurgere al ruolo di capitale dello sport d’Europa e dei Paesi dell’arco mediterra­neo, dotandosi di impiantistica sportiva tale da poter essere utilizzata, oltre che per l’impor­tante evento del 2026, anche per altre importanti manifestazioni a livello internazionale”.

Ha concluso l’assessore comu­nale allo sport Fabiano Marti. “Taranto – ha detto – si appre­sta a vivere sabato 19 una gran­de giornata all’insegna della più genuina competizione sporti­vo al Parco Cimino, location davvero perfetta per tale avve­nimento. Da tempo l’ammini­strazione comunale è al lavoro per restituire alla sua originaria bellezza e fruibilità questo me­raviglioso polmone verde alle porte della città intervenendo, per esempio, sul ripristino delle passerelle a mare e dell’anfitea­tro per attività teatrale e accele­rando i tempi relativamente per quanto riguarda la zona in cui si svolgeranno le gare. L’asses­sore al patrimonio Francesca Viggiano che è stata sul posto pressoché quotidianamente per controllare che tutto procedesse per il verso giusto, così com’è avvenuto. Dispiace solo che la Spartan Race si sviluppi in una sola tornata, senza la possibi­lità di organizzare una serie di eventi collaterali per far apprez­zare agli atleti da tutto il mondo e alle loro famiglie la bellezza della nostra città. Ci rifaremo nelle prossime edizioni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche