Cronaca News

«Fronte comune contro l’abusivismo»

Vertici di Confartigianato a confronto con il questore

I vertici di Confartigianato a confronto con il questore
I vertici di Confartigianato a confronto con il questore

I vertici di Confartigianato, presenti il presidente provinciale Dome­nico D’Amico ed il segretario Fabio Pa­olillo, hanno incontrato, nella sede di via Palatucci, il questore Giuseppe Bellassai.

«È stata l’occasione – dichiara il presiden­te D’Amico – per consegnare al dott. Bel­lassai uno dei nostri riconoscimenti più preziosi, la targa dell’Orgoglio Artigiano, per il grande impegno che sta profonden­do ed i risultati eccellenti già raggiunti nell’esercizio delle funzioni di questore. La sua azione ha contribuito, in questi mesi, a rafforzare il sentimento di fiducia e di sicurezza dei cittadini, delle imprese, della comunità tutta nei confronti delle Istituzioni. Stiamo seguendo con partico­lare attenzione e soddisfazione – prosegue D’Amico – l’impegno delle forze dell’ordi­ne e della Questura nel ristabilire l’ordine pubblico e le corrette regole di mercato nel nostro territorio. Da sempre, Confarti­gianato ritiene estremamente importante collaborare con chi, lavorando in maniera professionale e con passione, contribuisce a tenere alto il valore delle Istituzioni, svolgendo un servizio fondamentale per tutta la collettività, per l’ordine e la sicu­rezza della popolazione. Il quadro delle criticità con cui devono fare i conti gli artigiani e gli imprenditori in provincia di Taranto è piuttosto ampio. La crisi è forte, soprattutto in settori specifici come il commercio, l’autotrasporto, l’edilizia e l’impiantistica. Quest’ultime, in partico­lare, oltre alle difficoltà della recessione, hanno fatto e devono fare i conti con un numero crescente di “visite” ai cantieri, oggetto di furti. Non è più possibile la­sciar nulla d’incustodito, nemmeno per la pausa pranzo. Attrezzature e strumenti in particolare, se non vengono chiusi per bene (i ladri ormai entrano ovunque), sono destinati a sparire con danni che, sommati a fine anno, comportano perdi­te non banali per le nostre imprese. Ci piace evidenziare – continua D’Amico – l’ottimo lavoro profuso in queste ultime settimane dalla Polizia Stradale in tema di contrasto all’esercizio abusivo dell’at­tività di autoriparatore, problema assai sentito dagli operatori regolari, che sono costretti a lavorare in un mercato fuori controllo. Il questore Bellassai ci ha dato la massima attenzione e disponibilità e quindi siamo certi che proseguirà l’impe­gno della Polizia di Stato nel contrasto a tutte le forme di abusivismo. Per questo, Confartigianato non solo è al fianco della Questura ma è pronta a svolgere un ruolo di coordinamento delle segnalazioni da verificare prontamente. Analoghi proble­mi si hanno, altresì, in altri settori impor­tanti come, ad esempio, quello dell’esteti­ca, dell’acconciatura, dell’impiantistica e dell’edilizia».

«Abbiamo quindi ritenuto utile e neces­sario fare fronte comune – commenta il segretario Paolillo – iniziando percorsi di collaborazione con specifici incontri con gli imprenditori in tema di sicurezza e la creazione di meccanismi agibili per la segnalazione di situazioni anomale. Il nostro è un territorio operoso, con tante piccole imprese che mantengono anche la coesione sociale, imprese che magari possono svolgere un ruolo di sentinella della legalità. Inoltre abbiamo convenuto di promuovere a breve un evento, vedre­mo di farlo in Camera di Commercio, nel corso del quale il questore di Taranto illustrerà ai rappresentanti delle catego­rie economiche la situazione attuale nella nostra provincia, le criticità riscontrate, le misure adottate ed i presidi posti in es­sere da parte delle forze dell’ordine per la tutela dei cittadini ed imprese, i consi­gli specifici da trasferire alle aziende, per aiutare gli imprenditori a porre in essere interventi atti a salvaguardarli dai possi­bili rischi che possono nuocere alla loro sicurezza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche