26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 22:33:00

Cronaca News

Prestito alle pmi più facile e a costi minori

Confidi Confcommercio lancia Tranched Cover

Confcommercio Taranto
Confcommercio Taranto

Confidi Confcom­mercio Puglia e Fin.promo.ter, in partnership con le Bcc del gruppo “Cassa Centrale Banca”, hanno ottenuto la possibilità di promuovere e gestire un nuovo strumento innovativo per accre­scere la competitività e miglio­rare l’accesso al credito delle Pmi pugliesi, denominato Tran­ched Cover. La misura è stata presentata nei giorni scorsi nella sede Confcommercio di Taran­to. Sono intervenuti il presidente del Confidi, Castellana; il presi­dente provinciale di Confcom­mercio, Giangrande; l’assessore regionale allo Sviluppo eco­nomico, Borracino; il diretto­re commerciale della Bcc San Marzano di S. Giuseppe, Peluso; il direttore di Puglia Sviluppo, De Vito; il presidente della Bcc Alberobello e San Michele, Pa­lasciano. Ha coordinato il diret­tore del Confidi, Maresca.

La misura Tranched Cover con­sentirà di erogare, alle imprese operanti in Puglia (anche start-up) circa 40 milioni di euro per nuovi finanziamenti a tassi di in­teresse migliori rispetto a quel­li di mercato e con tempistiche particolarmente rapide. Infatti, anche grazie al cofinanziamento effettuato dalla Regione su una quota pari al 30% dell’importo complessivo, si potrà ottenere un tasso banca massimo (equi­valente a Euribor 3M + 3,68%). Le imprese di piccole e medie dimensioni (anche le micro) po­tranno richiedere finanziamenti e medio e lungo termine per un valore che va da 30 mila ad 1 milione di euro.

Per ottenere i finanziamenti le imprese potranno rivolgersi ad una delle cinque banche di cre­dito cooperativo del territorio, collegate al Confidi Confcom­mercio Puglia che provvederà ad istruire la pratica, offrendo all’impresa assistenza gratuita, e a semplificare l’iter di accesso al credito.

I finanziamenti con garanzia del Fondo della Regione Puglia ‘Tranched’ sono destinati a so­stenere investimenti in attivi materiali ed immateriali (arredi, attrezzature, impianti, macchi­nari, opere murarie, immobili aziendali, software, hardware, marchi, brevetti, avviamento, progetti di ricerca e innovazio­ne). E’ possibile anche finan­ziare l’attivo circolante, purché sempre connesso all’investimen­to da realizzare. Alcune delle finalità rientranti nell’attivo circolante sono l’acquisto scor­te, materie prime, spese per il personale, spese generali, ecc. Inoltre, è possibile ottenere an­che i contributi a fondo perduto della Regione Puglia (Titolo II capo 3 e Titolo II capo 6) previa verifica dei requisiti. L’importo richiesto deve essere superiore a 30.000 euro fino ad un massimo, per singola azienda, di 1 milio­ne di euro, pre-ammortamento massimo di 24 mesi (durante i quali si pagheranno solo gli in­teressi), a cui si aggiunge un pe­riodo di ammortamento da 12 a 96 mesi, a seconda dei progetti presentati.

Sono ammissibili tutti i settori di attività, ad eccezione di agri­coltura e allevamento, pesca e acquacoltura. Le forme tecniche dei finanziamenti prevedono ra­teizzazioni mensili o trimestrali e garanzie chirografarie o ipo­tecarie.

I finanziamenti possono essere erogati dalle seguenti banche di credito cooperativo aderenti a “Cassa Centrale Banca”: Bcc di San Marzano di San Giuseppe; Bcc di Alberobello e Sammiche­le di Bari; Bcc di San Giovanni Rotondo; Bcc dell’Alta Murgia; Bcc di Cassano delle Murge e Tolve.

«Con il Fondo Finanziamen­to del Rischio – spiegano dalla Confcommercio – la Regione Puglia ha messo in pista uno strumento particolarmente fles­sibile che aumenta la capacità di investimento delle Pmi locali, e che per la prima volta coinvol­ge le banche popolari del terri­torio – Bcc (Banche di Credito Cooperativo) – la cui naturale vocazione garantisce una mag­giore capillarità territoriale. Questo strumento finanziario è totalmente dalla parte delle imprese e non genera vantaggi per le banche poiché il vantag­gio finanziario del Fondo è in­teramente destinato alle piccole e medie imprese. La Regione interviene con garanzie di por­tafoglio e con una dotazione fi­nanziaria anche nella forma del prestito a rischio condiviso».

Confidi Confcommercio Puglia – in collaborazione con le Bcc partner – sta definendo un ca­lendario di workshop nei prin­cipali centri della provincia di Taranto, analogamente si farà in tutto il territorio regionale, nei quali il sistema del credito (banche di credito cooperativo e confidi) incontrerà il tessuto imprenditoriale locale per co­glierne i bisogni, ragionare su gli ambiti economici che offro­no possibilità di sviluppo, pre­sentare le opportunità della nuo­va Misura. Incontri finalizzati a favorire l’avvio di un percorso di conoscenza e collaborazione tra imprese e sistema bancario, nel comune obiettivo di incenti­vare le attività di investimento. Il coinvolgimento delle Bcc, espressione di un sistema del credito fortemente radicato nel territorio, rappresenta una stra­tegia di avvicinamento tra ban­che ed imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche