27 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Settembre 2021 alle 20:52:00

News Provincia di Taranto

Lizzano, Antonietta D’Oria: «Vorrei un paese felice»

Intervista a tutto campo al sindaco. «Il mio modello? È il Bhutan»

Antonietta D’Oria
Antonietta D’Oria

LIZZANO – Insieme a un’estate meteorologica che dalle nostre parti sembra continuare a per­sistere, non si sono mai fermate le attività sulla litoranea così come dell’entroterra lizzanesi. Proviamo allora a tracciare pro­prio con la prima cittadina di Lizzano, la dottoressa Antoniet­ta D’Oria, non solo un bilancio economico ma anche sociale, che faccia in qualche modo da consuntivo sul tempo trascorso e sulla operosità in itinere.

Allora com’è questa esperien­za di sindaco?
Direi che ti cambia radicalmen­te la vita: si inizia al mattino prestissimo, per poter concede­re un po’ di spazio alla famiglia e poi si parte per controllare i lavori pubblici, senza dimenti­care che dalle ore 8,00 in Mu­nicipio, iniziano le attività co­munali.

Lei ha sempre posto partico­larmente attenzione alle per­sone e alla comunità…
Sì, è così. Infatti occuparsi dei propri concittadini per mandato elettorale è un’attività entusia­smante, perché unisce la voglia di migliorare il tuo mondo all’a­more per la tua terra e alle per­sone che ci vivono.

Un impegno negli impegni quindi…
Guardi in Bhutan ad esempio c’è il FIL, cioè la Felicità Inter­na Lorda che indica il livello di felicità dei cittadini ed eviden­zia cosa occorre per il miglio­ramento degli standard di vita, incluso il benessere spirituale e la preservazione dei valori cul­turali e dell’ambiente. Ecco di­rei che l’idea di FIL può essere molto utile anche a Lizzano.

Come ha potuto concretizzare questo suo modo di pensare, all’interno delle nostre co­munità che a volte sembrano essere assenti da tale punto di vista?
Abbiamo organizzato una serie di manifestazioni con uno sco­po preciso, quello cioè di au­mentare il livello di felicità dei cittadini.

Allo stesso tempo siamo con­sapevoli che fare lavori di mi­ glioramento stradale, piazze e fognature, alcune già realizzate e tante altre in programma, non può certamente bastare a farci stare tutti meglio.

Certo…. Possiamo dire che questo è nell’operatività quasi corrente di una amministra­zione comunale…. quali sono state invece le principali ma­nifestazioni estive che avete realizzato?
Anche qui abbiamo messo gran­de impegno.

Ad agosto scorso siamo riusciti a replicare l’Agritur, registran­do un grosso successo di pub­blico, arricchito poi da attività culturali e ambientali collatera­li di spessore.

Ricordo ad esempio quella dell’Associazione L’Albero Ar­cobaleno APS, con una serata dedicata ai più piccoli, alla qua­le aggiungo la conferenza su “I cambiamenti climatici e le no­stre scelte quotidiane – food for change”, in cui sono intervenuti biologi e pediatri.

Cambiamo argomento. Di so­lito non c’è intervista al sinda­co di turno in cui non si parli di sport e attività sportive….
Giusto a questo proposito posso dirle che siamo riusciti a ridare il campo sportivo ai nostri gio­catori di calcio e abbiamo anche vinto molti bandi regionali per eventi che andremo a realizzare nei prossimi giorni.

Quindi cosa riserba il futuro prossimo ai cittadini lizzane­si?
Ci attendono tanti momenti di aggregazione che consolidano il senso di appartenenza alla comunità.

Concretamente giorno 10 no­vembre ad esempio stiamo pre­parando una festa in cantina per valorizzare la produzione loca­le del vino in occasione di San Martino.

Per il 22 novembre invece, nella piazza del Santo Rosario, ci sarà un’altra iniziativa in attesa del Natale e poi tanto altro ancora ma sempre con spunti culturali e in una cornice di rispetto per l’ambiente.

Insomma al primo posto obiettivo felicità….
Ripeto aumentare la felicità dei cittadini con qualsiasi mezzo è la nostra mission, insieme a quella di dare ai nostri figli un ambiente migliore dell’attuale.”. Ringraziamo il Sindaco D’Oria per averci concesso in esclusiva questa intervista e gli auguria­mo buon lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche