21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

Cultura News

Cento disegnatori contro la “Strega Rossa”

Arriva la mostra collettiva Ilvarum Yaga. L’8 novembre l’inaugurazione

Mostra collettiva Ilvarum Yaga
Mostra collettiva Ilvarum Yaga

Arriva a Taranto “Ilvarum Yaga: cento disegnatori contro la Strega Rossa”, la mostra collettiva con le tavole originali ispirate alla “Strega rossa”, ov­vero la mega acciaieria ex ILVA, ora Ar­celorMittal. Venerdì, 8 novembre, alle 19, l’inaugurazione al Crac Puglia (Centro di Ricerca Arte Contemporanea) della Fon­dazione Rocco Spani ONLUS, in corso Vittorio Emanuele II n. 17, sulla cosiddet­ta “ringhiera”, in Città Vecchia.

Protagonista di questa mostra è il fumet­to con 100 tavole, realizzate da altrettanti autori di fama riconosciuta che raccon­tano una storia amara: l’inquinamento prodotto dall’industria pesante nella città di Taranto. Ogni autore esprime il proprio messaggio con il contributo di metafore, rendendo incisivo il concetto al di là della stessa parola.

Dopo che il progetto “Ilvarum Yaga” sarà illustrato dal curatore della mostra, Piero Angelini, interverranno l’artista Giulio De Mitri, presidente Crac Puglia e il saggista Piero Massafra, nonché i rappresentati delle numerose associazioni e organi­smi che sostengono l’iniziativa.

Nell’occasione, inoltre, saranno con­segnati ai pediatri i libri per i bambini, acquistati con i fondi ricavati nelle due esposizioni a Copertino e Carosino.

La mostra sarà poi visitabile fino a sa­bato 30 novembre, con ingresso libero e gratuito, dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 21, nelle giornate di venerdì, sabato e do­menica. Durante la settimana la mostra sarà visitabile solo da gruppi e scolare­sche su appuntamento (contattare Ber­nadette Lentini cell. 3396655832).

mostra collettiva Ilvarum Yaga
Mostra collettiva Ilvarum Yaga

Ilvarum Yaga è il nome di una strega ma­lefica capace di trasformarsi in vento e polvere: così s’insinua nelle case degli uomini, si nasconde nei corpi dei Bam­bini e lentamente si nutre dei loro pen­sieri, dei loro sogni, del loro futuro.

Sono i bambini che vivono e crescono nel Quartiere Tamburi, esposti sin dalla loro vita intrauterina e durante tutta l’in­fanzia agli inquinanti immessi in ambien­te dalle industrie che si trovano a ridos­so delle loro case, tra cui l’ex ILVA, la più grande acciaieria d’Europa.

Tali sostanze sono tossiche per il siste­ma nervoso infantile e possono causare riduzione del Quoziente Intellettivo (QI) ed altre malattie del neurosviluppo.

Una delle “cure” possibili per contrasta­re questi effetti nocivi è quella di stimo­lare la mente dei bambini nella fase dello sviluppo e niente si è dimostrato più ef­ficace della lettura ad alta voce fatta fin dai primi mesi di vita.

Da qui l’idea di questa mostra collet­tiva, con lo scopo non solo divulgativo su questa tematica attraverso l’arte, ma anche con quello di raccogliere fondi per attivare il Progetto “Nati Per Leggere al Quartiere Tamburi”, che consiste nell’al­lestire piccole biblioteche negli studi pe­diatrici del quartiere dove poter leggere e regalare un libro ai bambini che atten­dono la visita.

A tal fine durante tutta la durata della mostra, si potranno acquistare le ripro­duzioni delle opere esposte, per 5 euro l’una: il ricavato sarà interamente utiliz­zato per acquistare i libri certificati “nati per leggere”. La mostra “Ilvarum Yaga”: cento disegnatori contro la Strega Ros­sa” è promossa e organizzata da MA­NUSCRIPTA/Festival della letteratura a fumetti, con il contributo e la colla­borazione di Centro Servizi Volontaria­to di Taranto, Associazione Culturale Pediatri di Puglia e Basilicata, Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, Libreria per ragazzi Ciurma, Comune di Martina Franca, Factory, FIDAPA, Fondazione Rocco Spani Onlus, Fucarazza, Gior­gioforever, Giustizia per Taranto, Scuola di fumetto Grafite, Manuscripta, Mibact, Nascìra, Nati per leggere, Natur House, Presidi del libro Martina Franca, Regione Puglia,Taranto Comix Taranto Respira, Tutta mia la città, Terra Terra, WWF Trulli e Gravine, U.O.C. NPIA Unità operativa Complessa Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza, DSM Dipartimento Salute Mentale, ASL Taranto. Questi gli artisti che partecipano alla mostra col­lettiva: AkaB, Ammostro, Piero Angelini, Linda Aquaro, Stefania Aquaro, David Bacter, Claudia Balboni, Giuseppe Bale­stra, Gabriele Benefico, Tommaso Ben­nato, Federico Bertolucci, Ugo Bertotti, Giacomo Bevilacqua, Vincenzo Bizzarri, Lelio Bonaccorso, Stefano Bosi Fiora­vanti, Pietrantonio Bruno, Toni Bruno, Alessandro Buffa, Ennio Bufi, Lucre­zia Buganè, Luca Bulgheroni, Lorena Canottiere, Vanessa Cardinali, French Carlomagno, Paolo Castaldi, Onofrio Catacchio, Coma Empirico, France­sca Cosanti, Gian Marco De Francisco, Matteo De Longis, Francesco De Stena, Fabrizio De Tommaso, Mario Del Penni­no, Andrea Dentuto, El Rughi, Giuseppe Falco, Arianna Farricella, Andrea Ferra­ris, Cosimo Ferri, Ivan Fiorelli, Alessio Fortunato, Francesco Frankie De Stena, Otto Gabos, David Genchi, Nicola Gen­zianella, Cinzia Ghigliano, Elena Guido­lin, Holdenaccio, Fabio Ikes Sechi, Mar­co K Galli, Giuseppe Latanza, Riccardo Latina, Carla Luccarelli, Maicol e Mirco, Leila Marzocchi, Fabiana Mascolo, He­lena Masellis, Luca Merli, Antonio Mi­rizzi, Antonio Montano, Andres Mossa, Marino Neri, Maria Nigna Riccio, Nigraz, Giuseppe Palumbo, Marco Paschetta, Angelo Pacifico, Davide Pascutti, Vale­rio Pastore, Enrico Pierpaoli, Gaia Pinos, Giovanni Pota, Simone Prisco, Fernando Proietti, Virginia Puccianti, Rosario Raho, Chiara Raimondi, Luca Ralli, Fabio Ra­miro Rossin, Alessandro Ranghiasci, Davide Reviati, Giulio Rincione, Enzo Rizzi, Tommaso Ronda, Nicola Sam­marco, Giuseppe Sansone, Luca Sapo, Sakka, Laura Scarpa, Serena Schinaia, Domenico Sicolo, Silly Nostalgic Kids, Stefano Simeone, Matteo Simonacci, Daniele Solimene, Squaz, The Sando, Alessandro Tota, Paolo Traisci, Walter Trono, Silvia Vanni, Veronica Veci Carra­tello, Marisa Vestita, Sebastiano Vilella, Tonio Vinci, Giulia Vincitorio, Gianfranco Vitti, Francesca Vivacqua, Greta Xella, Zerocalcare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche