12 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Aprile 2021 alle 07:19:17

News Provincia

Carosino in festa per don Angelo Panzetta

Dopo la nomina del sacerdote ad arcivescovo di Crotone-Santa Severina

A destra don Angelo Panzetta
A destra don Angelo Panzetta

CAROSINO – Grande felicità e una vera esplosione di gioia si è potuto registrare a Carosino tra la locale comunità parrocchiale all’annuncio della nomina di don Angelo Panzetta a Arcivescovo di Crotone-Santa Severina. La notizia che Papa Francesco aveva affidato a don Panzetta il gover­no pastorale della diocesi cala­brese, ha fatto immediatamente il giro della cittadina jonica dif­fondendosi di casa in casa sino a raggiungere anche chi non lo conosceva direttamente.

In effet­ti la comunità carosinese a guida del parroco don Filippo Urso che ha da subito gradito la presenza di questo sacerdote a Carosino, ha cominciato a conoscere pia­no piano più da vicino don An­gelo e apprezzarne così le doti e le capacità sacerdotali di un uomo immerso profondamente nella missione di portare Cristo tra la gente. Presbitero di grande cultura ecclesiastica, docente e preside della Facoltà Teologica Pugliese, don Angelo Panzetta ha ricevuto l’ordinazione nel 1993 a soli 23 anni e a 53 è stato nomi­nato arcivescovo, ricevendo dal Santo Padre questo prestigioso e impegnativo incarico forse tra i più giovani sacerdoti della cu­ria nazionale. Da qualche mese a questa parte, come si diceva, don Angelo Panzetta è ospitato a Carosino per celebrare la San­ta Messa nei fine settimana e in alcune feste religiose. I tanti pre­senti nelle liturgie da lui presie­dute o in altri momenti, hanno potuto apprezzare la sua ama­bilità e i suoi consigli pastorali elargiti principalmente nel corso delle omelie, che hanno sicura­mente contribuito ad avvicinare o rafforzare il forte legame che lega la comunità carosinese alla Chiesa.

La poliedrica esperienza presbiteriale e pastorale, vedi in particolare quella regionale sulla famiglia e di docente universita­rio, lo hanno sicuramente avvici­nato molto a questi mondi parti­colari e a volte in crisi, facendo di don Angelo il sacerdote della gente e tra la gente. Una cono­scenza diretta che ha contribuito ad ampliare sul campo quelle sue proprie competenze pastorali e che certamente avrà modo di tra­smettere al meglio nel corso della sua guida episcopale crotonese. Poiché la presa canonica dell’e­piscopato avverrà il 27 novembre prossimo, c’è ancora tempo sino ad allora per incontrarlo a Caro­sino e salutarlo nei fine settimana nella speranza che, tra tutte le co­munità visitate da don Panzetta, quella di Carosino occuperà nel suo cuore un posto privilegiato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche