18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

News Provincia

Grottaglie, le scarpette rosse in ceramica

L’iniziativa nella Giornata contro la violenza sulle donne

Scarpette rosse
Scarpette rosse

GROTTAGLIE – Per il terzo anno consecutivo, l’Amministrazione comunale punterà alla sensibilizzazione contro la violenza di genere attraverso l’iniziativa delle “Scarpette rosse in ceramica”, una proposta lanciata dall’Associazione Italiana Città della Ceramica (AiCC), con il Comune di Oristano come ideatore e capofila.

“Da alcuni anni la scarpa rossa identifica la campagna di lotta contro la violenza sulla donna e il femminicidio. Il progetto, testimonianza forte e creativa su un tema di altissimo valore umano e sociale, prevede la realizzazione da parte dei ceramisti di scarpe rosse di artigianato artistico da collocare ed esporre all’aperto in contesti urbani più diversi – dice l’assessore alle Politiche sociali, Marianna Annicchiarico – quest’anno l’installazione delle scarpette coinvolgerà il tessuto commerciale del territorio attraverso l’esposizione dei singoli pezzi realizzati dai maestri e maestre ceramisti nelle vetrine delle attività commerciali nei giorni compresi tra il 23 e il 30 novembre. Ogni scarpetta sarà accompagnata da un cartellino indicante il nome del/della ceramista e il numero verde antiviolenza, 1522, che rappresenta un primo strumento per offrire aiuto alle donne che vogliano prendere contatto con il centro antiviolenza più vicino. Riteniamo che l’iniziativa possa essere di grande impatto perché avviene per strada, in un contesto insolito, in cui si è di passaggio o si ha il tempo di focalizzare l’attenzione, anche solo per pochi istanti, guardando nelle vetrine ciò che ci piace, e riconoscendo nel simbolo della scarpetta rossa un richiamo al coraggio personale di denunciare e alla responsabilità comune di aiutare a denunciare.

Il numero delle donne che si rivolgono al centro Antiviolenza Sostegno Donna dell’associazione Alzaia Onlus è cresciuto negli ultimi mesi, un segnale chiaro della crescente consapevolezza di essere in pericolo e di poter uscire dalle spire della violenza. Ma ancora non basta: dobbiamo insistere sulla sensibilizzazione e prevenzione, soprattutto nelle scuole e nelle famiglie. Per questo motivo, lontano anche dalla canonica data individuata nel 25 novembre, con l’associazione Alzaia, verranno condotti percorsi formativi per gli addetti all’accoglienza e presa in carico della donna e laboratori e incontri nelle scuole, la culla della formazione relazionale e affettiva degli uomini e donne di domani. Il 25 novembre, in via Crispi, nel cuore del Quartiere delle ceramiche, alle ore 17,00 verrà con segnata alla città una panchina rossa, la seconda a Grottaglie dopo quella realizzata nel 2016 in piazza principe di Piemonte, in memoria di Fiorenza De Luca, giovane donna uccisa dal suo compagno nel 2014 proprio nella città delle ceramiche. -prosegue l’assessore- sulla nuova panchina rossa verrà affissa una targa con i numeri e i riferimenti per chiedere aiuto in caso di violenza e il nome di un’altra donna, scomparsa tragicamente in tempi recenti, profondamente sensibile e desiderosa di aiutare le donne in difficoltà.

Un luogo anche questo di passaggio, che risulta visibile nei periodi di grande affluenza nel quartiere e che richiama ogni giorno l’urgenza di riconoscere nella violenza contro le donne una piaga dei nostri tempi e una responsabilità di ognuno per invertire la rotta. Un evento in sala consiliare il 29 novembre chiuderà momentaneamente la campagna di sensibilizzazione del Comune di Grottaglie: a partire dalle ore 19 una narrazione ad opera dell’attore e registra Alfredo Traversa su Santa Scorese in un’aula volutamente istituzionale perché si riconoscano i limiti dei poteri istituzionali contro la violenza. Un’occasione particolare per conoscere un caso unico al mondo di persecuzione. La vittima, una giovane pugliese di nome Santa, è stata dichiarata serva di Dio ed in Vaticano è in corso una causa di beatificazione. Riconosciuta come prima vittima di femminicidio, il Comune di Bari le ha intitolato una via e l’Università di Bari ha rilasciato nel 2016 un diploma di laurea alla memoria come vittima di femminicidio. Infine proprio in questi giorni, in qualità di comune capofila dell’Ambito 6, il Comune di Grottaglie ha siglato un protocollo con l’associazione Alzaia e le associazioni e sigle sindacali del territorio degli undici comuni di Ambito per la creazione di un tavolo operativo permanente antiviolenza che si riunirà più volte durante l’anno, programmando eventi di formazione, prevenzione e sensibilizzazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche