26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 22:33:00

Calcio News Sport

Il Taranto rilancia: «Nulla è perduto»

La classifica rimane corta nonostante la pesante sconfitta con il Gravina

Il Taranto
Il Taranto

«In classifica siamo tutti lì, nulla è perduto. Dobbiamo rimboccarci le maniche a partire da martedì perché domenica prossima abbiamo un’altra gara tosta». Gigi Panarelli guarda oltre. Nel dopogara con il Gravina il tecnico del Taranto ha provato a rianimare un gruppo provato dopo il clamoroso 0-3 dello Iacovone.

«La partita era iniziata bene, sfiorando il gol in almeno tre occasioni, poi è successo che alla prima occasione siamo stati puniti. Abbiamo perso immeritatamente, anche perché non ricordo azioni manovrate o pericolose dei nostri avversari. Ora non dobbiamo abbassare la testa, ma riprendere il cammino senza demoralizzarci troppo: ho fiducia in questa squadra». La squadra non ha saputo adattarsi al campo reso un pantano dalla pioggia. «Il terreno di gioco inzuppato penalizza chi deve macinare gioco, ma dobbiamo abituarci perché queste situazioni possono ripetersi». Eppure, sullo 0-1 il rigore sbagliato avrebbe potuto cambiare il corso della giornata. «Lo ha sbagliato Genchi, ma capita a tutti. I rigoristi sono tre – oltre Genchi, anche D’Agostino e Oggiano – ma in queste situazioni lascio che siano i calciatori a decidere: chi va sul dischetto è perché se la sente. Ma non colpevolizzo nessuno, è il gruppo che vince o perde».

Resta l’amarezza per lo stop interno del Taranto che perde contro il Gravina nella tredicesima giornata del campionato di serie D girone H. Alvarez nella prima frazione ed una doppietta di Santoro nella ripresa decretano il definitivo punteggio di 0-3. I rossoblù, come detto, recriminano per le diverse occasioni non capitalizzate e per il rigore sbagliato sul punteggio di 0-1. Panarelli ha schierato Sposito; Benvenga (9’ st Guaita), Manzo L., Ferrara; Pelliccia, Manzo S., Cuccurullo (25’ st Masi), Oggiano, D’Agostino; Genchi (18’ st Croce), Favetta. A disposizione: Giappone, De Letteriis, De Caro, Marino, Galdean, Allegrini. Loliva; Silletti, Romeo (28’ pt Chiaradia), D’Angelo; Dentamaro, Coulibaly, Alvarez, Gogovski, Di Modugno; Ficara (33’ st Bozzi), Santoro (40’ st Fiore). A disposizione: Vicino, Caponero, Palermo, Greco, Tagliamonte, Pentimone la risposta del Gravina corsaro allo stadio Erasmo Iacovone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche