19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 07:17:57

Cronaca News

Ex Ilva, un punto di svolta: ora bisogna lavorare senza rischiosi populismi


Ex Ilva

Adesso è chiaro una volta di più: nessuno vuole la chiusura dell’ex Ilva. Alla chiusura non vuole arrivare il governo, che infatti con il presidente Conte ha riaperto la trattativa con Mittal. E la chiusura non la vogliono la Regione né il Comune.

L’incontro all’interno dello stabilimento tra l’amministratore delegato di Arcelor Mittal, Lucia Morselli, il presidente Emiliano e il sindaco Melucci, ha segnato un punto di svolta: è servito a far evaporare le tensioni che si erano fatte pericolosamente aspre negli ultimi mesi. Basti pensare al momento fortemente simbolico di un presidente della Regione che più volte aveva evocato la chiusura della fabbrica e che ieri in quella fabbrica ci ha invece messo piede e, sue parole, si è pure sentito confortato dall’accoglienza ricevuta. Anzi, si è addirittura «sentito a casa». Ora, ripristinate queste condizioni di… vivibilità istituzionale, è necessario affrontare con chiarezza e lealtà i nodi da sciogliere: le dimensioni produttive e i livelli occupazionali, gli strumenti per garantire la massima tutela della salute, i progetti da concretizzare per svincolare Taranto dalla dipendenza dall’acciaieria. Sono passati troppi anni da quando è esplosa la crisi ambiental-industriale e molto poco si è visto per risanare e far ripartire il territorio.

Troppi sviamenti e incomprensibili ritardi che hanno finito per alimentare le ragioni di chi vuole, qui a Taranto, che quella fabbrica spenga per sempre le ciminiere. Istituzioni locali e centrali, azienda e sindacati hanno una sola strada per uscire dal guado: mettere da parte i populismi – che finora si sono rivelati una deleteria arma di propaganda – e curare realmente gli interessi di Taranto perché solo così potranno essere soddisfatti gli interessi del Paese, ben sapendo che questi ultimi non potranno più prevaricare i primi.

Enzo Ferrari
Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche