Cronaca News

Piano assunzioni al Comune di Taranto, è polemica

La FpCgil denuncia il mancato confronto sindacale e annuncia azioni legali

Palazzo di città
Palazzo di città di Taranto

Il piano delle assunzioni del Comune sarebbe stato elaborato senza il confronto con la rsu e le organizzazioni sindacali. A denunciarlo è il segretario aziendale della Cgil Funzione Pubblica, Anna Maria Marra. Secondo la Cgil, «quelle scelte assunzionali di fatto non alleviano il carico di lavoro del personale e soprattutto non rispondono alle esigenze di un territorio che ha una popolazione sempre più anziana e sconta un preoccupante collasso demografico».

«È mancata infatti – afferma l’organizzazione sindacale – la previsione di figure professionali essenziali come assistenti sociali e psicologi, oltre a una maggiore presenza di educatrici asili nido, addetti al front- office e professionalità da destinare a settori strategici: contratti, notifiche e tributi. Ad oggi, il personale conta meno di 740 unità che si riducono periodicamente e si pensi che il 2020 inizierà con ben 31 unità che si collocheranno a riposo nella stessa giornata del 2 gennaio. Per queste ragioni, un approfondimento statistico – demografico preliminare all’adozione del Piano delle assunzioni sarebbe stato oltremodo utile e intelligente». La Cgil contesta anche le modalità con le quali si sono svolte le prove orali per le progressioni verticali: «Procedure, modalità, tempi e requisiti di accesso, sono stati ad esclusivo appannaggio della giunta comunale e sono stati fortemente disapprovati dal personale». L’organizzazione sindacale attribuisce queste disfunzioni alla «assenza di un regolamento concorsuale», tutto ciò «a danno della trasparenza e di una oggettiva valutazione di merito». La Cgil richiama in proposito la Legge Madia «che ha aperto una limitata finestra temporale (2016- 2018) per le amministrazioni pubbliche, per poter indire “progressioni verticali”, interamente riservate ai dipendenti interni, che avessero le maggiori capacità, rispetto al nuovo ruolo da ricoprire e non altro. Del resto, così si è espressa la magistratura contabile indicando la corretta procedura per le progressioni verticali». Dubbi vengono infine espressi sulla costituzione dell’Ufficio di staff del sindaco e sul relativo salario accessorio forfettario. Tutte questioni che «devono essere oggetto di contrattazione», altrimenti si configurerebbe, secondo la Cgil Fp, un «comportamento antisindacale». Preannunciate azioni legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche