Cultura News

Cesare Giulio Viola nel ricordo della sua Taranto

Con la sua opera lo scrittore ha dato lustro al primo Novecento

Cesare Giulio Viola
Cesare Giulio Viola

Il decoro, la dignità, la cul­tura di una città è nel sapere ricordare, nel tempo dovuto alla memoria, i suoi illustri figli, e Cesare Giulio Viola certamente è uno dei suoi migliori figli e, senza remora esegetica, per l’opera varia, dinamica, e creatrice, uno scrittore che ha dato lustro al primo Novecento anche per quel “Pricò” che De Sica portò in pellicola con il titolo “I bambini ci guardano”.

Il 3 ottobre del 1958, cioè sessant’anni or sono, mori­va per una fatalità, Cesare Giulio Viola, nella sua resi­denza estiva in Positano. Ma nel suo cuore e nella sua memoria Taranto rimase, tempo e luogo indistruttibili. Vi era nato nel 1886.

Roma fu la sua seconda sede di vita e d’arte.

Di lontano dalla sua città spesso lo aveva scritto e detto al suo solitario diret­tore della biblioteca “Accla­vio”, Vito Forleo.

Taranto era stata la patria scolastica all’ “Archita” nel suo romanzo mondadoria­no “Quinta classe” e poi questa sua e nostra città in quel suo romanzo del lume a petrolio “Pater” che è un inno al suo genitore, Luigi, archeologo e fondatore del Museo archeologico di Ta­ranto ed è anche uno spac­cato felicissimo della Taran­to fine ottocento e primo novecento, la città ancora illuminata dai lumi a petro­lio e nella quale si circolava con gli “Omnibus” carrozze a cavalli.

Un libro non solo di familia­ri memorie, ma di memoria cittadina, immagine, sogno di una Taranto che era quel­la del “cuore di una volta”.

Non scrittore di uno spacca­to locale, industriale, mor­tifero, ma scrittore solare, cioè dell’ampia visione uma­na, umanistica, nella quale la storia personale si intrec­cia con la storia di un’epoca, di un popolo, di una vasta tradizione.

Scrittore e poeta.

Lo ricordiamo oggi perché la città, che vuole risalire la scala della Cultura, lo ri­cordi domani perché non scompaia dal nostro povero mondo.

Un mondo, spesso, senza patria e senza fede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche