14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Aprile 2021 alle 06:46:06

Calcio News Sport

Calcio a 5, «Il primo posto non è un’ossessione»

Nicoletta Mansueto parla del momento del Real Statte

Nicoletta Mansueto del Real Statte
Nicoletta Mansueto del Real Statte

STATTE – Il primo esame da capolista solitaria per l’Italcave Real Statte è stato superato a pieni voti, visto il successo per 6-2 contro la Lazio.

Già archiviato il discorso qua­lificazione in coppa Italia, in netto anticipo e passato forse in sordina, le rossoblù voglio­no ora completare un dicembre 2019 molto impegnativo.

Infatti assieme al campionato c’è la coppa Divisione e la Na­zionale che si legherà mani e piedi alla sorte delle ioniche. Ma l’idea è quella di continua­re il proprio percorso e chiude­re l’anno solare nella maniera migliore. Senza pressioni e, se parliamo di campionato, para­dossalmente “non guardando la classifica, anche perché la stagione si decide poi a ridosso dell’estate. Siamo contenti del primo posto ma questa non deve essere un’ossessione.

Perché dobbiamo lavorare per migliorarci noi stesse, non per il primato in sé per sé”. Il pen­siero di Nicoletta Mansueto è chiaro. Non conta il risulto a breve ma quello a lungo termi­ne, passando per varie tappe in­termedie.

“Siamo solo all’inizio della sta­gione, seppur quasi al giro di boa per quel che riguarda la re­gular season in campionato. Un obiettivo l’abbiamo centrato e siamo contenti di averlo fatto in anticipo rispettando i program­mi della società.

Ora c’è l’andata da chiudere e la qualificazione alla seconda fase della Coppa Divisione da cen­trare”. Infatti per quest’ultima competizione i fari si accende­ranno mercoledì 18 al Curtivec­chi col Bisceglie.

Ma in mezzo troviamo i match contro Pelletterie e Kick Off (quest’ultima gara sarà antici­pata a sabato 14 alle ore 15.30). Tra la Lazio e il Pelletterie esi­ste un filo conduttore legato alle prestazioni.

“All’inizio dell’anno soffriva­mo nel primo tempo e usciva­mo nella ripresa. Ora, invece, siamo cresciuti tantissimo negli approcci e nella gestione del match. Anche se possiamo e dobbiamo migliorare tantissi­mo in ambedue i momenti. C’è tanto da lavorare e il match con la Lazio lo dimostra. Però sia­mo state brave anche a reagire al pareggio con ordine, questo significa che un nuovo passo avanti lo abbiamo fatto.

Ma è ancora presto per essere al top dove dobbiamo cercare di esserlo nelle fasi clou del­le 3 competizioni, senza mai commettere l’errore in tutte le partite di abbassare la guardia e pensare che il risultato sia stato raggiunto in anticipo rispetto al termine dei match”.

Infine la gara col Pelletterie do­menica prossima. “Come sem­pre dice il nostro mister non dobbiamo guardare la classifica ma in casa nostra, pertanto sarà un lungo viaggio in Toscana alla ricerca di una nuova presta­zione positiva che si ripercuote anche sulla classifica.

Vogliamo far bene e stiamo la­vorando forte questa settimana per regalare una soddisfazione ai tanti tifosi che si seguiranno, seppur da lontano”.

Questo il commento di Tony Marzella al termine della gara con la Lazio. “Prima partita da capolista solitaria contro una Lazio che ha dimostrato tutto il suo valore e un buon periodo di forma. squadra molto tattica con ottime giocatrici in rosa. Dal canto nostro abbiamo avuto un approccio positivo, anche quan­do abbiamo subito il gol del pari ho visto una reazione importan­te.

Nella ripresa qualcosa tattica­mente l’abbiamo cambiata, cau­sa anche la presenza del quinto di movimento, interpretando al meglio il momento nonostante i 5 falli sul groppone. Adesso prepariamoci per Firenze e la gara dell’Immacolata col Pellet­terie. Bene così ma la strada è ancora molto lunga”.

Ioniche brave a saper superare una fase iniziale che ha visto il momentaneo pari delle ospiti e ad allungare in maniera de­finitiva nella ripresa. Rossoblù che partono con Margarito, nuovamente tra i pali dopo due partite ai box, Renata, Belam, Soldevilla e Boutimah. Rispon­de la Lazio con Tirelli, Barca, Vanessa, Vanelli e Taninha.

Il Real Statte sta davvero facen­do, comunque, un campionato di altissimo profilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche