Basket News Sport

Cus Jonico Taranto, sarà una domenica speciale

n occasione della partita con Ostuni spazio a “Doniamo un sorriso”

Cus Jonico Taranto
Cus Jonico Taranto

La partita nel giorno dell’Immacolata, il Na­tale oramai alle porte, l’ultima gara in casa dell’anno. Ci sono tutti gli ingredienti in casa Cus Jonico Basket Taranto per vive­re una grande domenica 8 di­cembre. Ma il sodalizio rosso­blu vuole renderla speciale, ha voluto fare di più, anzi, è pro­prio il caso di dirlo, dare di più.

Ed è per questo che il Cus Joni­co ha sposato appieno l’iniziati­va “Doniamo un sorriso” che in questi giorni sta portando avan­ti Federmoda Taranto in diverse attività commerciali della città.

In occasione della partita contro la Cestistica Ostuni (domeni­ca ore 18 palla a due) al Pala­fiom, presso lo stand all’interno del palazzetto, il pubblico, che verrà a tifare per la squadra di coach Olive, potrà donare ali­menti o giocattoli (anche usa­ti ma integri e in buono stato). Tutto quello che verrà raccolto sarà poi portato dal Cus Jonico, tramite Federmoda, ai bambini dell’asilo “Ente Morale Pao­lo VI” per dare anche a loro la possibilità di vivere un Natale pieno di gioia.

“Siamo sempre stati sensibili a questo tipo di iniziative socia­li – dice il presidente Sergio Cosenza – e non potevamo la­sciarci sfuggire quest’occasione per fare del bene a dei bambini meno fortunati specie in un pe­riodo come questo. Siamo sicuri che la gente che ci segue, che tifa per noi, le tante famiglia che si sono avvicinate quest’anno, con i loro bambini, anche e so­prattutto delle scuole basket del territorio, non faranno mancare il loro contributo alla raccolta”.

Insomma un’occasione da non perdere, per passare una do­menica all’insegna dello sport e della Solidarietà. Nei giorni scorsi, a parlare è stato Salva­tore Massari, team manager che ha prova a esorcizzare l’ennesi­ma sconfitta consecutiva patita dai rossoblu lontano da casa domenica scorsa ad Altamura. “Continuiamo a lavorare tanto in settimana – spiega Massari – ad offrire anche buone presta­zioni ma non siamo continui nei 40 minuti. Anche ad Altamura nel momento decisivo della par­tita, all’ultimo quarto, abbiamo sofferto la loro fisicità e gli av­versari hanno preso il largo. Un vero peccato a guardare la clas­sifica”.

Che continua a essere positiva con Taranto stabilmente nelle prime posizioni: “Il campiona­to resta in linea con quelle che erano le aspettative della socie­tà, restiamo comunque in zona quarto posto. Resta il ramma­rico perché con il percorso net­to fatto in casa (4 vittorie su 4 gare, ndr), una o due vittorie in trasferta, che ci potevano stare benissimo, ci avrebbero dato una spinta incredibile in avanti, non solo in classifica ma anche sulla crescita generale di un gruppo molto giovane”.

Che ci sia un problema psico­logico fuori casa? Massari non lo esclude ma prova ad andare oltre: “Può essere. A me e la società dispiace ma per prima cosa sono sicuro che dispiace ai ragazzi. In casa stanno facendo vedere cose straordinarie per ritmo, intensità e carattere. Fuo­ri invece non riusciamo ancora ad essere decisivi quando serve. Bisogna capire se è un discorso fisico o di personalità”.

All’orizzonte, domenica pros­sima, nel giorno della festa dell’Immacolata, al Palafiom ar­riva la Cestistica Ostuni dell’ex coach Putignano. Massari punta molto sull’apporto del pubblico per cogliere la quinta vittoria casalinga di fila: “Le presenze al palazzetto quest’anno sono una felice sorpresa, i ragazzi sono condizionati positivamen­te dal pubblico. Anche perché è una squadra giovane che sente la forza e la spinta del tifo. Con la società stiamo lavorando pa­recchio in quest’ottica per far tornare un po’ di entusiasmo, nella città e sugli spalto, attra­verso minieventi di contorno alla partita. Domenica poi sarà l’8 dicembre, una giornata parti­colare per Taranto con l’Imma­colata seconda patrona. Sarà an­che l’ultima in casa per questo 2019 quindi vogliamo chiudere in bellezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche