Calcio News Sport

Si cambia: rivoluzione Taranto

Si presenta il nuovo direttore sportivo Vincenzo De Santis, mentre va via Gino Montella

Vincenzo De Santis
Vincenzo De Santis

Si cambia. Sperando che serva a raddrizzare una stagione che pare compromessa. Tornano a sedere sulla poltrona presidenziale, Massimo Giove ha affidato a Vincenzo De Santis il ruolo di direttore sportivo del Taranto. Insieme hanno incontrato la squadra, che prepara agli ordini dell’allenatore Luigi Panarelli la delicatissima partita casalinga di domenica con il Cerignola. Delicatissima per gli ionici, e per il tecnico che dopo quattro vittorie consecutive ha inanellato tre sconfitte di fila.

Va da sè che un altro risultato negativo difficilmente potrebbe essere tollerato. Non sarà del match Marian Galdean; il centrocampista ha infatti interrotto la sua seconda, e decisamente poco fortunata, esperienza tarantina. Oggi potrebbe essere il giorno anche del saluto di Gino Montella. Il direttore generale pare al passo d’addio. Ieri il sito blunote.it ha riportato la notizia delle minacce, sicuramente da condannare, rivolte al dirigente. Il suo allontanamento sarebbe tra le richieste della tifoseria, e comunque l’arrivo con “pieni poteri” di De Santis di fatto sancisce un passaggio di testimone. Intanto, è attiva la prevendita per assistere alla gara valevole per la sedicesima giornata del campionato di serie D girone H stagione 2019/2020 ed in programma domenica 15 dicembre allo Iacovone con fischio di inizio ore 14:30).

Per la curva nord, biglietto intero a 12 euro, ridotto a 8 euro; gradinata 15 euro, ridotto 11 euro; tribuna laterale 22 euro, ridotto 15 euro. Per questi settori il prezzo per i ragazzi dai 6 ai 12 anni è di tre euro. Il prezzo del biglietto per la tribuna centrale è di 85 euro, ridotto 55 euro; 6-12 anni 25 euro. La partita di domenica ha davvero i contorni dell’ultima spiaggia per il Taranto, che non può permettersi ulteriori passi falsi. La vetta occupata dal Bitonto dista infatti nove punti, e soprattutto la squadra di Panarelli è parsa davvero in profonda crisi di identità nelle ultime uscite, coincise con le sconfitte con Gravina, Fasano e Nocerina.

1 Commento
  1. Alessandro 9 mesi ago
    Reply

    Quante falsità….sto qui xché credo nella rimonta ecc…..ecc…..bla bla ….ma questo altro sconosciuto pensa di prenderci per il culo?
    ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche