Calcio News Sport

Vincenzo De Santis: «Credo nel recupero del Taranto»

Il nuovo direttore sportivo: «Campionato equilibrato, decisivi gli scontri diretti»

Vincenzo De Santis
Vincenzo De Santis

«Il campionato offre speranze di recuperare. C’è equilibrio, dobbiamo puntare sugli scontri diretti. Se sono qui, è perchè ci credo». Vincenzo De Santis si presenta così come nuovo direttore sportivo del Taranto. Un ruolo non facile, a maggior ragione quanto la squadra vive un momento oggettivamente non facile. «Abbiamo una progettualità a lungo e medio termine. Nel mondo del calcio vincono gli equilibri, non i nomi, a prescindere dal discorso economico: e tutti devono sudare la maglia» ha aggiunto il neo dirigente ionico, conoscitore delle piazze pugliesi.

Il direttore sportivo ha sottolineato quanto sia importante «ricompattare un ambiente depresso e deluso» come è oggi quello tarantino, ed ha condannato le minacce rivolte, con un manichino impiccato, al direttore generale Gino Montella. Lo stesso dg ha affidato il suo pensiero a facebook: «Ringrazio le migliaia di persone che da mercoledì mi stanno esprimendo la propria solidarietà ininterrottamente. Non sarà un gesto becero e vigliacco a fermarmi. Vado avanti nella consapevolezza di aver operato sempre e comunque per il bene del Taranto Calcio».

In serata però il club ha comunicato “di aver sollevato dall’incarico il direttore generale avvocato Gino Montella. La società ringrazia il direttore per l’enorme impegno profuso e per la preziosa attività svolta a beneficio del Taranto calcio sin dal suo insediamento. Nel mostrare vicinanza e solidarietà alla sua persona e nel prendere, quindi, fermamente le distanze dai beceri atti di cui è stato, suo malgrado, vittima negli ultimi giorni, la compagine del presidente Massimo Giove coglie l’occasione per augurargli le migliori fortune professionali con la consapevolezza di preservare un intatto e sempre cordiale rapporto di amicizia, da sempre improntato sulla stima reciproca”. Il primo acquisto firmato De Santis è quello del difensore centrale classe 1993, Jevrem Kosnic, serbo, svincolatosi dalla Fidelis Andria. Il primo degli scontri diretti che attendono il Taranto è proprio quello di domenica, quando allo Iacovone arriverà il Cerignola. Panarelli – che ha incassato la fiducia di De Santis – dovrà fare a meno dello squalificato Stefano D’Agostino, mentre Beppe Genchi è alle prese con la distrazione al flessore. Intanto, a Brindisi, il tarantino Luigi Volume assume il ruolo di nuovo direttore tecnico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche