03 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

Cronaca News

Arrestate tre persone e sequestrate oltre 300 dosi tra cocaina, ecstasy e ketamina

La droga sequestrata
La droga sequestrata

Spacciavano cocaina, ecstasy e ketamina in discoteca. Tre arresti (fermato anche il “pr”) e il sequestro di oltre 300 dosi nel bilancio di una operazione condotta dalla Polizia di Stato. Erano riusciti a creare un redditizio mercato di pericolosissime droghe chimiche, all’interno di uno dei locali più in voga del capoluogo, in viale Jonio, i tre finiti nella rete della Falchi della Squadra Mobile.

Si tratta di Riccardo Papa di origini campane, di 43 anni, di Esther Di Turi, residente in provincia di Bari di 21 anni e Luca Di Leo, tarantino di 26 anni, addetto alle pubbliche relazioni. Giovani e giovanissimi clienti della discoteca avevano trovato, ormai, nei tre presunti spacciatori i loro abituali fornitori. Da qualche mese, i poliziotti in borghese avevano avviato mirate indagini sul gruppo accertando che, sin dal periodo estivo, il 43enne campano, accompagnato dalla sua fidanzata 21enne, giungeva il sabato sera a bordo della sua auto nel parcheggio della discoteca e, con la complicità del 26enne tarantino riusciva ad entrare per poi spacciare cocaina ed ecstasy ai tanti giovani. Dopo aver registrato anche nell’ultimo sabato l’arrivo della coppia, gli agenti della Questura, fingendosi clienti, sono entrati nell’affollato locale e sono riusciti ad individuare i tre che, seduti poco distante l’uno dall’altro, continuavano imperterriti a spacciare. I Falchi hanno prima messo sotto osservazione Papa il quale dopo aver ricevuto il denaro da un acquirente facendo un cenno con la testa testa ha dato il via libera ai complici per la cessione della dose.

I tre sono stati bloccati e condotti in un luogo appartato per i primi controlli. All’interno di un marsupio del “pr” sono stati rinvenuti 13 involucri in cellophane contenenti ecstasy e soldi. In un altro borsello tenuto a tracolla dalla 21enne barese, sono stati rinvenuti sette involucri di carta argentata, contenente ben 96 dosi di ketamina, un involucro in cellophane trasparente con altre 95 dosi di cocaina, un involucro trasparente a chiusura ermetica con 75 dosi di ecstasy, e, ancora, altre 26 pasticche di ecstasy. I tre sono stati subito accompagnati negli uffici della Questura e dichiarati in arresto. “La qualità, la quantità delle droghe spacciate, le modalità di tempo e luogo dell’attività illecita, pongono importanti interrogativi sui concreti pericoli ai quali vanno incontro le giovani generazioni tarantine – si legge in una nota della Questura – rendono necessaria, conseguentemente, una risposta corale al triste e diffuso fenomeno che tenga conto della esigenza non solo del suo contrasto ma anche della sua prevenzione attraverso la capillare diffusione di una conoscenza dei rischi connessi all’uso di tutte le sostanze stupefacenti con particolare riguardo alle conseguenze, troppo spesso devastanti ed irrimediabili, dell’assunzione di quelle sintetiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche