News Spettacolo

“Che vita meravigliosa”, nuovo album per Diodato

Esce il 14 febbraio. Il singolo omonimo nella colonna sonora del film “La dea fortuna” del regista Ferzan Ozpetek

Diodato
Diodato

«Non credo di essere mai stato così tanto me stesso, d’essere mai stato in grado di mettere così a fuoco il mio vissuto e tutte le sensazioni che mi hanno portato a dare questo titolo prima a una canzone e poi a questo album». Parole di Diodato che ha annunciato per venerdì 14 febbraio il terzo e nuovo album di inediti “Che vita meravigliosa” dopo l’uscita del singolo omonimo. Diodato è un cantautore intenso e ricercato tra i più apprezzati del nuovo pop italiano.

«Ero pronto a condividere, a raccontare questa condizione di perenne viaggiatore, navigante felicemente disperso, di osservatore talvolta malinconico, talvolta disincantato, di eterno bambino innamorato di questa giostra folle – ha accennato – Innamorato, appunto, ed è forse questo amore ad avermi portato a questa data, il 14 febbraio, per l’uscita del mio nuovo album». Questo nuovo progetto discografico di Diodato è un album composto da 11 brani che rappresentano un’evoluzione, la voglia e la curiosità di sperimentare, crescere, rinnovarsi, mantenendo sempre uno stile di scrittura introspettivo e profondo, accompagnato da un sound dinamico e mai prevedibile che rendono la sua musica immediata e carica di carnalità e passione. “Che vita meravigliosa” è anticipato, oltre che dal precedente singolo “Non ti amo più” e dal brano “Il Commerciante”, dal nuovo omonimo singolo che è il romantico tributo di Diodato alla vita, in tutte le sue sfaccettature e declinazioni; questo canto di un essere umano disperso nel mare esistenziale è stato scritto dal cantautore immaginando le atmosfere del cinema di Ferzan Ozpetek, con il quale è nato poi un importante e proficuo confronto che ha permesso di arrivare alla versione del brano che fa parte della colonna sonora de “La dea fortuna”, il nuovo film del grande regista italo-turco, con protagonisti Stefano Accorsi, Edoardo Leo e Jasmine Trinca, nelle sale da oggi giovedì 19 dicembre.

«Sono un affamato di vita, da sempre. E questa fame si è intensificata col tempo – ha raccontato Diodato a proposito del brano – Crescendo, è cresciuta anche lei. I suoi odori, le sue immagini, le sue interminabili montagne russe, il vuoto nello stomaco, le sofferenze, la gioia, le incredibili coincidenze, l’amore, il dolore, questo mare incommensurabile di sensazioni è ciò che mi nutre, ciò che mi fa sentire vivo. Ed è questo che ho provato a raccontare, a racchiudere in questa canzone, nel disperato tentativo di fermare ciò che non si ferma mai. Volevo puzzasse di vissuto. Volevo ci fosse dentro la mia fame di lei». Il nuovo album, i cui testi e musiche sono di Diodato ed è prodotto da Tommaso Colliva, produttore discografico di fama internazionale, nonché vincitore di un Grammy Award nel 2015, arriva a distanza di tre anni dall’ uscita di “Cosa siamo diventati”, disco dal respiro internazionale in cui il talento del cantautore emerge in maniera definitiva, e dopo le partecipazioni al Festival di Sanremo nel 2018 e 2019. «Che in una vita intera chi ha avuto la fortuna di amare e di essere amato ha probabilmente avuto anche la sfortuna di non amare più o di non essere più amato – ha riflettuto a proposito di “Non ti amo più” – È un gioco che si ripete, in continuazione, fino a che non ci si sente troppo stanchi per dirselo ancora, per continuare a giocare, per ricominciare daccapo. Questa non è una storia vera, almeno non una soltanto».

Diodato, inoltre, è pronto a tornare sul palco con due imperdibili date ‘live’ mercoledì 22 aprile 2020 all’Alcatraz di Milano e mercoledì 29 aprile 2020 all’Atlantico di Roma; le prevendite per i due appuntamenti ‘live’ sono disponibili sul circuito Ticketone al link https://www.landpage.co/ diodato-live

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche