22 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 22 Ottobre 2020 alle 16:48:29

Cronaca News

Indotto Arcelor Mittal, nuovo allarme rosso

Riunione in Confindustria. Chieste garanzie, aziende pronte al disimpegno

L'Ilva di Taranto
L'Ilva di Taranto

“Il rischio che si palesi, nel medio-breve periodo, una situazione analoga a quella di quattro/cinque anni fa c’è tutto, ed è il motivo per il quale le aziende dell’indotto ex Ilva di Taranto, aderenti a Confindustria, si stanno attrezzando per non rivivere un passaggio doloroso della loro vita professionale. Il riferimento è a quanto già si produsse a cavallo del 2014 e 2015, nel passaggio fra l’Ilva di Riva e Ilva A.S. (amministrazione straordinaria) allorquando l’indotto si ritrovò –dopo mesi, poi anni, di battaglie prima mediatiche e poi legali – con un monte crediti pari a circa 150milioni di euro non corrisposti, (e a tutt’oggi tali) poi confluiti nello stato passivo.

Come si ricorderà, le aziende continuarono a svolgere le loro attività all’interno della fabbrica (e, come oggi, si trattava di aziende di meccanica, chimica, servizi, edilizia, trasporti) pur in presenza di garanzie da parte dell’allora gestione commissariale. Oggi, stanno portando avanti tutte le commesse e prestando le loro competenze a fronte di una situazione di estrema incertezza, manifestatasi già nelle scorse settimane con i ritardi sui pagamenti loro dovuti. Ritardi ai quali, come è noto, è stato posto un argine dai referenti di Arcelor Mittal Italia solo a seguito del presidio permanente messo in atto dalle stesse aziende davanti alle portinerie dell’azienda. Ovvie, pertanto, le perplessità – e sono molteplici –che rendono fosche le prospettive di tutte le realtà imprenditoriali, grandi e piccole, che lavorano nell’indotto dell’acciaio”. Così una nota di Confindustria. Nel corso della riunione presieduta dallo stesso presidente degli industriali tarantini, Antonio Marinaro “sono stati presi in esame tutti i possibili scenari che, soprattutto dopo il 20 dicembre (data in cui è prevista l’udienza al tribunale di Milano per il ricorso cautelare d’urgenza dell’Ilva in As contro il recesso di Ami) si potranno delineare nella complessa vicenda”.

“Certo è – questo il commento del presidente di Confindustria – che le nostre aziende non si sentono tutelate, da qui ai prossimi mesi, riguardo la garanzia di poter vedere soddisfatti nella loro interezza i loro crediti nei tempi stabiliti. Non si tratta – prosegue Marinaro – di una semplice percezione più o meno diffusa ma della constatazione di un clima tangibile di forte incertezza che sussiste da oramai troppo tempo circa la permanenza di Ami a Taranto e degli eventuali scenari alternativi futuri, nonché dall’assenza di segnali che, in questo senso, registriamo da parte del Governo. Vanno bene – e lo dico a scanso di equivoci – gli interventi che da Palazzo Chigi e dai vari Ministeri si stanno mettendo in campo (il cosiddetto “Cantiere Taranto”) per la città, ma quello che vorremmo si palesasse è soprattutto la garanzia per queste aziende di poter continuare a lavorare per assicurare a loro stesse ed ai loro dipendenti un futuro”. Segnali, va sottolineato, che a tutt’oggi mancano sia da parte di Arcelor Mittal (che dopo le proteste dell’indotto continua ad assicurare i pagamenti ma in un regime di provvisorietà complessiva, inducendo le stesse aziende a contattare i referenti aziendali ogni qual volta si produce un ritardo o un pagamento parziale) sia da parte del Governo, impegnato a metter su un piano alternativo a quello prospettato da Ami. Le aziende dell’indotto, in sostanza, si stanno interrogando circa la loro permanenza all’interno dello stabilimento e i rischi a cui vanno incontro.

Quali, allora, gli orientamenti emersi a seguito dell’incontro odierno? E’ lo stesso Presidente Marinaro a dichiararlo: “In assenza di garanzie certe sulla continuità dei crediti loro dovuti, le imprese dell’indotto potrebbero orientar si verso un generale disimpegno dai rapporti contrattuali in essere. E’ una condizione estrema ma il rischio di incorrere in un’altra situazione analoga a quella del 2015 porterebbe per molte di loro alla chiusura, anche alla luce delle difficoltà, già in atto, che le stesse affrontano in ordine all’accesso al credito”. Da qui l’ulteriore – e già lanciato nei giorni scorsi – appello al Governo, affinché coinvolga Confindustria – assieme a tutti gli altri attori territoriali – per poter essere parte attiva delle scelte che saranno adottate da qui in futuro: a questo proposito, Confindustria ha redatto un apposito documento – da portare all’attenzione del Governo – in cui illustra una serie di misure, riguardanti anche l’indotto, ritenute indispensabili per una corretta rinegoziazione del piano industriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche