27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2021 alle 16:40:07

Cronaca News

Passi d’amore per la disabilità

L’iniziativa del Fondo Antidiossina: consegnati 10 deambulatori e 32 carrozzine

L’iniziativa del Fondo Antidiossina
L’iniziativa del Fondo Antidiossina

diventato un regalo di Natale visto e considerato che lo scorso 23 dicembre, proprio poco prima del Santo Natale, è stata ultimata la distribuzione di ausili sanitari voluta e promossa dal Fondo Antidiossina onlus, presieduta da Fabio Matacchiera. Sono stati consegnati esattamente 10 deambulatori e 32 carrozzine. “Un piccolo contributo, che però ci rende felici perché consape­voli di aver fatto un dono utile a quanti ne hanno bisogno” ha di­chiarato Fabio Matacchiera, colui il quale ha avuto questa idea e a questa idea ha dato gambe gra­zie alla realizzazione del corto­metraggio “ Passi d’amore“ che pone l’attenzione sulla disabilità, argomento su cui gravano ancora oggi tanti pregiudizi e che vede una giovane adolescente costret­ta su di una sedia a rotelle, Alice, la protagonista, interpretata da Fabiana Laneve, ora entrata a far parte dell’accademia de La Scala di Milano, e il prezioso contributo di Rossella Brescia, attrice, balle­rina, insegnante di danza, condut­trice televisiva e radiofonica.

Una pellicola che ha avuto un grande successo di pubblico che, acquistando il biglietto d’ingres­so, ha consentito di raccogliere la somma necessaria per l’acquisto delle carrozzine e dei deambula­tori, a cui si sono aggiunte alcu­ne donazioni spontanee. L’idea è nata, lo ricordiamo, da una neces­sità reale, da momenti di vita vis­suti sulla pelle da Fabio diventato l’autore ed il regista del cortome­traggio. Dopo la prima consegna di 10 carrozzine destinate al re­parto di ostetricia e ginecologia ne sono state aggiunte altre sette per il pronto soccorso al Pronto Soccorso dell’ospedale SS. An­nunziata di Taranto, poi ci si è spostati al San Marco di Grotta­glie dove sono state consegnate 15 carrozzine e 10 deambulatori da utilizzare nei reparti di geriatria, lungo degenza e riabilitazione. Tutti gli ausili per la deambula­zione sono già in uso sia al pronto soccorso che nei reparti. Si è con­cluso così un progetto articolato che ha richiesto molto lavoro, dal­la realizzazione del cortometrag­gio, all’organizzazione della pro­iezione con numerosi ospiti sul palco del Teatro Orfeo, all’acqui­sto di ausili per la deambulazione, alla consegna degli stessi ai due nosocomi, l’espletamento della parte burocratica, lunga e farragi­nosa, ed infine, il completamento con la consegna. Se da un lato c’è soddisfazione per la conclusione di questo progetto dall’altro c’è al­trettanta soddisfazione per “Passi d’amore” che i numerosi consensi lo fanno volare alto, si è infatti qualificato al quarto posto su 320 cortometraggi in concorso al Cor­to Mon Amour svoltosi in Sicilia aggiudicandosi il riconoscimento come migliore sceneggiatura, cu­rata da Claudia Lezza e Iolanda Fischetti, regia di Fabio Matac­chiera. Il corto è stato iscritto e sarà iscritto ad altri Festival in­ternazionali e ridotto, così come richiesto, a 15 minuti. “Un grazie lo voglio rivolgere a tutti coloro che hanno contribuito alla realiz­zazione dell’intero progetto, alle due professoresse Silvia Abeille e Sonia De Marco, che hanno co­ordinato i rapporti con la Asl, dal cortometraggio all’acquisto degli ausili per la deambulazione, alla Asl” dice Matacchiera “grazie al cuore dei tarantini siamo stati in grado di dare un piccolo aiuto a coloro che per svariati motivi si trovano nelle condizioni di non poter camminare con le proprie gambe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche