20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 15:55:41

Cronaca News

Botti di Capodanno, la Polizia intensifica i controlli

In un edificio i Falchi della Squadra Mobile hanno invece rinvenuto 130 bombe carta

I botti di Capodanno sequestrati
I botti di Capodanno sequestrati

Giro di vite della Polizia di Stato contro la vendita di botti: sequestrati quasi 350 artifizi pirotecnici illegali. E’ scattata anche una denuncia a piede libero. Continuano senza sosta i servizi finalizzati alla prevenzione e alla repressione della commercializzazione illegale di materiale esplodente il cui utilizzo può provocare lesioni, anche irreversibili, sia a chi li maneggia sia a chi sta vicino.

Nel corso di mirati controlli i Falchi della Squadra Mobile hanno denunciato in stato di libertà un tarantino di trentadue anni resosi responsabile del reato di possesso di artifizi pirotecnici. Dopo una specifica attività investigativa i poliziotti in borghese già da qualche giorno stavano monitorando l’abitazione del denunciato proprio per il sospetto che potesse svolgersi un vendita illegale di manufatti esplosivi artigianali. Dopo l’ennesimo arrivo di quelli che parevano potenzali acquirenti, gli agenti della Questura hanno deciso di verificare lo stato dell’abitazione con una perquisizione. I sospetti hanno trovato conferma.

All’interno di un armadio della camera da letto sono stati rinvenuti e sequestrati quasi 200 petardi privi di etichetta e del peso di sei chilogrammi. Grazie all’intervento degli specialisti del Nucleo Artificieri della Polizia di Frontiera di Taranto i manufatti sono stati tolti dal mercato e messi in sicurezza. Sempre nell’ambito dei servizi preventivi i Falchi della Squadra Mobile hanno rinvenuto all’interno di un piano ammezzato in stato di abbandono quasi 130 manufatti esplosivi artigianali del tipo “bombe carta”. Dopo il sequestro a carico di ignoti gli agenti del Nucleo Artificieri hanno messo in sicurezza il materiale pericoloso. Il primo maxi sequestro di botti era stato eseguito, sempre dai Falchi della Squadra Mobile, a fine novembre. Nel quartiere Tamburi il proprietario di un box, un trentanovenne tarantino, quando si era reso conto che i poliziotti con l’ausilio dei vigili del fuoco avrebbero forzato la serraturadel suo garage, aveva consegnato le chiavi. All’interno del locale gli agent della sezione Falchi avevano recuperato novanta cartoni contenenti 359 artifizi pirotecnici per un peso di 1395 chili.

1 Commento
  1. Raffaele 1 anno ago
    Reply

    cmq in via Plinio è sempre la solita guerra…. ed è veramente sconfortante leggere che vengono intensificati i controlli quando qui si continua a fare lo schifo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche