17 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Aprile 2021 alle 18:16:49

Cronaca News

Medicina, gli esclusi rientrano a Taranto

La proposta del rettore Bronzini: Riammessi dal Consiglio di Stato, ecco 56 posti

Stefano Bronzini rettore dell’Università degli Studi di Bari
Stefano Bronzini rettore dell’Università degli Studi di Bari

Cinquantasei posti per aspiranti medici al corso di laurea in Medicina di Taranto.

«Esprimo grande soddisfazione per l’iniziativa assunta dal Rettore dell’Università di Bari, Stefano Bronzini, che con una nota indirizzata alla Direzione Generale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur), ha proposto di assegnare al Canale formativo recentemente istituito a Taranto della Facoltà di Medicina, ben 56 posti da destinare agli aspiranti medici che erano stati inizialmente esclusi dall’immatricolazione per non aver superato le prove di ammissione per l’anno accademico 2018-2019 e che recentemente sono stati riammessi a seguito di una ordinanza del Consiglio di Stato che ha giudicato illegittima l’esclusione – afferma l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Mino Borraccino – Si tratta certamente di una opportunità molto significativa che consentirebbe, da un lato, di contribuire a risolvere un rilevante problema di carattere amministrativo, dovendo essere immatricolati in sovrannumero, a seguito del provvedimento giurisdizionale, ben 300 soggetti negli Atenei di tutta Italia, e dall’altro consentirebbe di sfruttare pienamente le possibilità offerte dalla recente istituzione, a Taranto, del Canale formativo relativo Corso di Laurea in Medicina.

Ritengo che la soluzione prospettata dal Rettore Bronzini sia di assoluto buon senso e auspico che il Miur accolga questa richiesta che il Governo regionale sostiene e sosterrà in ogni sede competente – aggiunge l’assessore regionale – Come noto, infatti, ci siamo strenuamente battuti per difendere questa grande opportunità offerta al territorio jonico in un momento di profonda preoccupazione per il futuro. Consentire l’immatricolazione di 56 nuovi aspiranti medici al Corso di Laurea in Medicina a Taranto permetterebbe certamente di dare un ulteriore segnale di grande attenzione alla comunità tarantina, consolidando un importante risultato raggiunto con grande determinazione dal Governo regionale e da tutti i rappresentanti istituzionali del territorio, a cominciare dal Sindaco della città, Rinaldo Melucci, e dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sen. Mario Turco, che hanno lavorato duramente per questo scopo riconoscendone l’importanza strategica. Taranto ha bisogno di queste opportunità – conclude Mino Borraccinon – anche per diventare un Polo di eccellenza in ambito medico e sanitario, e per questo ci aspettiamo riscontri positivi e concreti da parte del Miur in risposta alla proposta giustamente avanzata dal Rettore Bronzini cui va il ringraziamento mio personale per l’iniziativa assunta».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche