27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Gennaio 2021 alle 15:19:23

News Provincia

Crispiano, il nuovo posto delle favole

Teatro, laboratori e feste di piazza. Al via l’11 gennaio con “La storia di Pierino e il Lupo“

La presentazione del proget­to “Il Nuovo Posto delle Favole”
La presentazione del proget­to “Il Nuovo Posto delle Favole”

Un progetto che lega i territori di due province, Taranto e Brindisi, e mette in rete tre Co­muni, Crispiano, Ceglie Messa­pica e Francavilla Fontana, tutti accomunati per storia, posizione geografica e tradizione culturale da una forte vocazione agricola, brac­ciantile e operaia.

È stato presentato venerdì 3 gen­naio, durante la conferenza stampa svoltasi presso la Biblioteca Civica “C. Natale” di Crispiano, il proget­to “Il Nuovo Posto delle Favole”, tra i vincitori dell’avviso pubblico “Periferie al Centro – Intervento di Inclusione culturale e sociale” promosso dal Teatro Pubblico Pu­gliese e dalla Regione Puglia – As­sessorato all’Industria Turistica e Culturale e Assessorato alle Politi­che Giovanili.

A presentare nei dettagli la pro­grammazione, tutti i protagonisti coinvolti: Sante Levante, direttore del Consorzio Teatro Pubblico Pu­gliese; Enrico Messina, presidente di Armamaxa Teatro, ente capofi­la del progetto e direttore artistico della rassegna; Daria Paoletta, co-direttrice artistica de “Il Nuo­vo Posto delle Favole”; Donatella Convertino, presidente del Circo­lo Arci-Uisp Crispiano ‘Mariella Leo’; Margherita Cinefra, presi­dente Arciragazzi Le Radici e le Ali di Francavilla Fontana e i rap­presentati istituzionali del Comune di Crispiano, nella persona di Luca Lopomo, sindaco del Comune di Crispiano e Angelo Fragnelli, as­sessore allo spettacolo del Comune di Crispiano. Partendo dall’espe­rienza di Armamaxa Teatro – che da oltre 10 anni si prende cura del Teatro Comunale di Ceglie Mes­sapica divenuto, soprattutto grazie alla rassegna di teatro per famiglie “Il Posto delle favole”, punto di ri­ferimento culturale e di inclusione sociale per l’intera comunità della Valle d’Itria – e grazie alla solle­citazione del Circolo Arci Uisp “Mariella Leo” di Crispiano, con la collaborazione di Arciragazzi “Le Radici e Le Ali” di Francavilla Fontana, di UniTre di Ceglie Mes­sapica, e con il sostegno del Co­mune di Crispiano, si è disegnato un progetto trans-provinciale con l’obiettivo di rafforzare, grazie alla cultura del teatro e dello spettacolo dal vivo, la coesione e l’inclusio­ne sociale. Il progetto avrà come “fulcro” il Comune di Crispiano e, dopo l’apertura di sabato 11 genna­io, si svilupperà da gennaio a giu­gno 2020 lungo due assi principali: da un lato con l’organizzazione di una rassegna di spettacoli teatrali tout-publique, presso il Teatro Co­munale di Crispiano, che soddi­sferà la grande richiesta di offerta culturale di qualità espressamente rivolta ai bambini e alle famiglie; dall’altro con azioni di formazione del pubblico con eventi speciali e laboratori teatrali e di promozione della lettura rivolti a tutte le fasce di età (che si svolgeranno a Ceglie Messapica, Francavilla Fontana e Crispiano) e che forniranno nuova linfa ed energia alle attività che da anni i partners del progetto con­ducono sui territori di riferimento, coinvolgendo le famiglie, valoriz­zando lo scambio intergenerazio­nale e rivitalizzando il tessuto con­nettivo del territorio.

Ad inaugurare “Il Nuovo Posto delle Favole”, sabato 11 gennaio, alle ore 18.00, presso il Teatro Co­munale di Crispiano, lo spettacolo “La Storia di Pierino e il Lupo” del Tib Teatro (spettacolo per tutti; dai 4 anni): il fascino della composi­zione di Prokofiev sta nella felice intuizione di far raccontare la sto­ria con la musica, di fare di ogni strumento dell’orchestra un perso­naggio). Per questo la compagnia bellunese, racconterà al pubblico di Crispiano questa storia con i no­stri strumenti: la parola e il corpo, la danza e le immagini. Mentre la partitura musicale corre libera, nella straordinaria esecuzione di Claudio Abbado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche