News Provincia

Leporano, forum sulle nuove iniziative d’impresa

L’assessore Borraccino al convegno promosso da “Madonna delle Grazie” ed “Eureka”

L’assessore Borraccino al convegno promosso da “Madonna delle Grazie” ed “Eureka”
L’assessore Borraccino al convegno promosso da “Madonna delle Grazie” ed “Eureka”

LEPORANO – Invitato dalle As­sociazioni “Madonna delle Gra­zie” ed “Eureka”, l’assessore re­gionale allo Sviluppo Economico Mino Borraccino ho partecipato al convegno tenutosi presso l’ex bi­blioteca comunale, sul tema “NIDI – Nuove Iniziative d’Impresa”.

Il 27 novembre scorso, con una variazione di bilancio approvata dalla Giunta regionale su proposta, dell’assessore Borraccino è stato ulteriormente rimpinguato il capi­tolo di spesa che riguarda questa Misura strategica di incentivazio­ne, e cioè l’Avviso pubblico “Nuo­ve Iniziative D’Impresa – NIDI”, il bando “a sportello” finalizzato a sostenere le scelte di autoimpie­go e di autoimprenditorialità. “La modalità operativa “a sportello” si inquadra nell’obiettivo fonda­mentale di facilitare le procedure, in quanto garantisce la continuità temporale degli interventi, consen­tendo di pianificare i programmi di investimento secondo le effettive esigenze, senza rincorrere le sca­denze dei bandi- si legge un una nota di Mino Borraccino- il relati­vo capitolo di spesa è stato rifinan­ziato per 500.000 euro, al fine di coprire completamente il fabbiso­gno finanziario indispensabile per l’erogazione delle sovvenzioni in favore di tutte le imprese che risul­tino, ad oggi, beneficiarie. Questa Misura – che agevola investimen­ti compresi tra 10mila e 150mila euro – permette di avviare una nuova impresa attraverso un mix di sovvenzione e prestito rimborsabi­le. Nello specifico per investimenti dai 10mila euro fino a 50 mila euro l’agevolazione copre il 100%; per investimenti compresi tra 50 mila euro e 100 mila euro l’agevolazione copre il 90%; per progetti tra 100 mila euro e 150 mila euro l’age­volazione copre l’80% dell’inve­stimento.

L’intervento rende, così, possibile a persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro, quali giovani, donne, disoccupati, lavoratori precari con partita Iva e persone che stanno per perdere il posto di lavoro, di affrontare il proprio problema occupazionale.NIDI rappresenta uno dei prin­cipali strumenti messi in campo dalla Regione Puglia- prosegue la nota- per incentivare la nascita di nuove attività imprenditoriali e per sostenere la loro crescita, e come Governo regionale posso garantire che continueremo certamente su questa strada, consapevoli che lo sviluppo della Puglia passa anche dalla capacità che stiamo dimo­strando ogni giorno di sostenere il nostro tessuto produttivo attraverso una serie eterogenea di strumenti finanziari messi a disposizione di chi intenda investire, generando effetti molto positivi per tutto il ter­ritorio. Ad oggi sono più di 1.600 i progetti NIDI presentati, con in­vestimenti per oltre 100 milioni di euro.Con l’occasione ho anche par­lato di TECNONIDI, una misura che rappresenta una evoluzione di NIDI. Si tratta dell’intervento con cui la Regione offre un pacchetto di aiuti per l’avvio o lo sviluppo di start up tecnologiche e innovative, sempre mediante un prestito rim­borsabile ed una sovvenzione sia per gli investimenti che per i costi di funzionamento. Si rivolge alle piccole imprese che intendano av­viare o sviluppare piani di investi­mento a contenuto tecnologico. Le agevolazioni possono arrivare fino a 200mila euro per gli investimenti e 80mila euro per i costi di funzio­namento.

Con il convegno illustra­te le politiche promosse dall’Asses­sorato allo Sviluppo Economico. Sono stati messi in condizione di presentare la domanda quanti in­tendano fare impresa contando sull’aiuto della Regione. C’erano il presidente dell’associazione “Ma­donna delle Grazie”, Mary Luppi­no, il presidente dell’associazione “Eureka”, Osvaldo Camassa , la consigliera comunale di Leporano, Jolanda Lotta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche