Cronaca News

Discesa Vasto a Taranto, un tratto sarà a doppio senso

Parcheggi, il piano del Comune

Discesa Vasto a Taranto
Discesa Vasto a Taranto

Un tratto della discesa Vasto sarà a doppio senso.

L’amministrazione Meluc­ci intende operare sull’area compresa tra Palazzo di Città, piazza Castello e via Duomo con una «risistemazione e ri­pristino delle aree di parcheg­gio, con una nuova segnale­tica orizzontale e verticale utili ad una migliore fruizio­ne, permettendo tra l’altro la dissuasione alla doppia fila visto che nelle stesse e nelle aree adiacenti è ormai diffu­sa l’abitudine del parcheggio selvaggio, impedendo anche il regolare flusso veicolare sia in ingresso che in uscita».

«Con la determina firmata dal comandante della Polizia lo­cale, Michele Matichecchia, a valle della delibera di giunta – spiegano dall’amministra­zione comunale – si avvierà una risistemazione necessaria e propedeutica ad una serie di ulteriori azioni che a breve saranno attuate per rendere l’Isola Madre maggiormente vivibile e visitabile a residen­ti, cittadini e turisti. In ra­gione di queste azioni e nelle more degli interventi previsti dalle direzioni Urbanistica e Lavori Pubblici, si è inteso altresì fare una valutazione ulteriore sulla Discesa Va­sto che ha un unico senso di marcia e due corsie di scorri­mento, una preferenziale per gli autobus e l’altra corsia per i veicoli. Quindi, al fine di ga­rantire una maggiore scorrevolezza del traffico cittadino, ed evitare l’intero attraversa­mento della Città Vecchia alle auto in cerca di parcheggio, si è stabilito di consentire in via sperimentale, nel tratto della Discesa Vasto compre­so tra Via Di Mezzo e Piazza Castello, il doppio senso di marcia realizzando una terza corsia di scorrimento e man­tenendo invariata la corsia dei bus».

«Piccoli interventi e segnali – fa sapere l’assessore alla Po­lizia locale Gianni Cataldino – derivanti dall’ascolto dei cit­tadini e dalle valutazioni sul campo compiute dagli opera­tori della Polizia Locale sem­pre più impegnati a garantire sicurezza e legalità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche