29 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 11:00:10

Cronaca News

Nella necropoli per la Notte del Liceo Classico

In via Marche l’iniziativa dei licei Ferraris-Q. Ennio in programma venerdì 17 gennaio dalle 18 alle 24

La necropoli di Taranto
La necropoli di Taranto

E’ stato definito uno degli eventi più innovativi nella scuola degli ultimi anni ed è già arrivato alla sua sesta edi­zione. Nata da un’idea di Rocco Schembra, docente di Latino e Greco presso il Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT) e sostenuta dal Ministe­ro della Pubblica Istruzione, la Notte Nazionale del Liceo Clas­sico si tiene in contemporanea venerdì 17 gennaio 2020, dalle 18.00 alle 24,00 in oltre 430 li­cei classici su tutto il territorio nazionale.

Il liceo classico Quinto En­nio di Taranto partecipa anche quest’anno all’iniziativa che si prefigge di promuovere la cultu­ra classica in tutti i suoi aspetti e rendere visibile alla cittadinan­za la vitalità che caratterizza da sempre gli studi classici.

A sottolineare questa apertura al territorio, il protocollo di intesa siglato nell’ambito dei percor­si Pon Asl “Lavorare comuni­cando” e “Archeologia forense” con la società Ethra che vedrà gli studenti del “Quinto Ennio” coinvolti non solo nella organiz­zazione della Notte Nazionale dei Licei Classici ma anche del progetto Polysemi “Parco di viaggi letterari in Grecia e Ma­gna Grecia per un turismo so­stenibile e destagionalizzato in Puglia e in Grecia”, del quale il Comune di Taranto è partner.

Gli alunni del “Quinto Ennio”, sotto la guida dei docenti del Di­partimento di Cultura Classica e Italianistica diretto dalla prof.ssa Brunella Checchi, e coadiu­vati dagli archeologi della so­cietà Ethra Riccardo Chiaradia, Francesca Razzato, Vincenzo Stasolla e Roberto Ferretti e con la collaborazione del Dopola­voro Filellenico presieduto dal prof. Giancarlo Antonucci, han­no realizzato l’evento “Viaggi di Inchiostro” con materiale mul­timediale, drammatizzazioni e interviste ai protagonisti della scuola.

L’evento, coordinato dagli alunni Michele del Buono (5AC) e Fe­derico Massafra (5BC), si aprirà, in contemporanea con tutti gli altri licei aderenti, con la lettura dei versi 1-38 dall’Agamennone di Eschilo recitati da Miche­le Del Buono (5AC) e Martina Cioffi (5BC): come la sentinella che dagli spalti della reggia de­gli Atridi aspetta il segnale della fiaccola che riaccenderà la spe­ranza così anche il liceo classico aspetta “la liberazione da questa fatica, risplenda tra le tenebre la buona novella del fuoco”.

La prima parte prevede i saluti delle autorità e l’intervento del Dirigente Scolastico prof. Mar­co Dalbosco e del presidente della società Ethra dott. Ric­cardo Chiaradia, la proiezione del video-intervista “Don’t stop me now” sulle attività passate, presenti e future del liceo clas­sico “Quinto Ennio” realizzato dagli alunni della classe 4BC (a cura della prof.ssa Patrizia D’Elia); il saggio multimedia­le “Sì, viaggiare” della classe 3BC sul “caso Odisseo”: il più grande dei “viaggiatori” non viaggiò per bisogno di cono­scere ma per necessità (prof.sse Nunzia Caputo, D’Elia, Claudia Sarli), mentre la classe 1BC – a corredo di “Sì, viaggiare” – ha realizzato il fumetto “Odisseo e le Sirene” (prof.sse Claudia Laudadio e D’Elia); a seguire l’intermezzo musicale “Cantare in greco si può” delle classi 1AC e 1BC (prof. Giancarlo Antonuc­ci e Dopolavoro Filellenico), e “Dotti, medici e… sapienti” della classe 3BC, una video-intervista sulla sperimentazione Biologia con Curvatura Biomedica (prof.ssa Caputo).

Chiuderà questa prima parte la premiazione dei vincitori del “Piccolo Certamen Archeologi­co – IV edizione” riservato agli alunni delle classi terze delle scuole medie, a cura della prof.ssa Brunella Checchi, direttore Dipartimento di Cultura Classi­ca.

La seconda parte si aprirà con “Horror Nocturnus”, video mu­sicale in lingua latina sulle note della canzone “Thriller” di M. Jackson realizzato e girato nel­la Necropoli di via Marche dal­la classe 4BC (prof.ssa D’Elia), per poi continuare con la visita guidata della Necropoli di via Marche (prof.ssa Giusy Liuzzi): la classe 2AC guiderà il pubbli­co nella visita e la classe 1AC ha realizzato i pannelli sul corredo funerario; seguiranno nell’area della Necropoli “Io (Dante), Vir­gilio e Tu” drammatizzazione della classe 4AC (prof.ssa Capu­to): Dante – a digiuno di geogra­fia – farà il suo viaggio accom­pagnato da Virgilio… a Taranto; “In viaggio con la poesia” decla­mazioni coreografate dalla clas­se 3AC (prof.ssa Angela Giunga­to), la proiezione di “Penelepe vs Odisseo”, metà intervista doppia e metà reality, video realizzato dalla classe 2BC (prof.sse Giun­gato e Laudadio); “In viaggio con la prosa” lettura passi scel­ti da Serao, Saramago, Todorov, Citati e Soldati declamati dalla classe 5BC (prof.ssa Marianna Fiorino). Chiuderanno la serata i video “Amarcord – 5 anni di classico” realizzati dalle classi 5AC e 5BC (prof.sse Checchi e D’Elia): gli alunni delle quin­te classi passeranno idealmente il “testimone” agli alunni delle prime classi.

La Notte Nazionale del Liceo Classico è più che una festa. È, innanzi tutto, un modo alterna­tivo ed innovativo di fare scuola e di veicolare i contenuti, punta­re su una formazione di natura diversa che non va a sostituire quella tradizionale, ma le si af­fianca in maniera produttiva e proficua. Il bello della Notte Na­zionale non è solo nella Notte stessa, ma nei lunghi e laborio­si preparativi che la precedono, che fanno sì che gli studenti identifichino i locali in cui quo­tidianamente vivono le ansie e le aspettative di un cammino di studio, faticoso ma gratificante, con un ambiente ludico, in cui cultura vuol dire gioia, piacere di condivisione, rispetto dei tem­pi e delle parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche