18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

News Provincia

A Maruggio arriva il testamento biologico

Approvato in consiglio comunale il regolamento presentato da Antonella Friscini

Antonella Friscini
Antonella Friscini

MARUGGIO – Testamento bio­logico, anche Maruggio avrà il suo registro.

Approvato in consiglio comuna­le il regolamento per il registro delle dichiarazioni anticipate di volontà relative ai trattamenti sanitari

Un’iniziativa concreta su un tema importante e delicato. Par­liamo delle Dat, le Disposizioni anticipate di trattamento, sulle quali si muove anche il Comune di Maruggio, mettendo a dispo­sizione dei cittadini un registro per il proprio Testamento Bio­logico.

Il Ministero della Salute ha emanato il decreto che istituisce la Banca dati nazionale per le Disposizioni anticipate di trat­tamento, le Dat: verrà creato un registro nazionale dove saranno conservate le dichiarazioni de­positate dai cittadini, all’ana­grafe del Comune di residenza oppure presso un notaio di fidu­cia. In questo modo la legge 219 «Norme in materia di consenso informato e di disposizioni an­ticipate di trattamento», appro­vata dal Parlamento a dicembre del 2017, può finalmente acqui­sire piena efficacia.

Si tratta del testo che regola il testamento biologico e che ga­rantisce per ogni persona la possibilità di scegliere autono­mamente tra le diverse possi­bilità di trattamento medico, anche decidendo di rifiutare un esame o una terapia, e di farlo anche per eventuali futuri trat­tamenti sanitari, nel caso in cui in quel momento non si fosse in grado di comunicare la propria scelta.

La dichiarazione contenente le Dat è lo strumento attraverso il quale è possibile esprimere la propria volontà. La massima assise cittadina ha approva­to all’unanimità, lo scorso 27 dicembre, il regolamento sul Testamento Biologico presen­tato dalla consigliera comunale Antonella Friscini (nella foto) che esprime soddisfazione: “Questa iniziativa testimonia la nostra attenzione nei confronti dei cittadini e, soprattutto, rap­presenta un segnale di crescita e civiltà per la collettività, un passo avanti per la dignità del­la persona- dei Friscini- in Ita­lia fino a due anni fa non c’era nessuna normativa specifica sul trattamento biologico, ma nel dicembre 2017 la legge è stata finalmente approvata dal Parla­mento, introducendo importanti cambiamenti nei diritti del pa­ziente in fase terminale. Una conquista di civiltà, che ricono­sce l’autodeterminazione tera­peutica e salvaguarda la dignità della persona anche quando non è più autonoma nel fine vita.

La nostra Amministrazio­ne– conclude la consigliera comunale che ha presentato il regolamento sul Testamen­to Biologico- ha approvato un atto di libertà per tutti i citta­dini maruggesi che non offende alcun credo o convinzione in quanto allarga e non limita la sfera dei diritti e delle libertà individuali”.

L’iscrizione al registro, riserva­ta ai soli cittadini residenti, è un documento non accessibile per ragioni di privacy e dovrà esse­re consegnato in busta sigillata all’Ufficio Servizi Demografici del Comune di Maruggio.

D’ora in poi i malati, le loro famiglie, gli operatori sanitari saranno meno soli in situazioni drammatiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche