18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Cronaca News

Raccolta differenziata, commercianti in prima linea

Le norme che ogni esercente dovrà rispettare

Raccolta differenziata
Raccolta differenziata

Mancano poche settimane all’avvio del servi­zio di raccolta differenziata nei quartieri Tamburi, Paolo VI e Lido Azzurro ed intanto pro­segue l’attività di distribuzione dei kit che dovranno essere uti­lizzati dall’utenza.

Comune ed Amiu stanno svol­gendo una capillare attività di informazione e sensibilizzazio­ne attraverso una serie di incon­tri nelle scuole e nei luoghi di aggregazione dei quartieri.  Nelle scorse settimane i diri­genti dei Kyma- Amiu hanno incontrato le associazioni di ca­tegoria per spiegare le modalità di attuazione del servizio che dal 2 febbraio sarà avviato nei quartieri in questione.

«L’estensione della differen­ziata ad altri quartieri del ter­ritorio urbano – commenta Alberto Mosca, dirigente di Confcommercio – rappresenta un ulteriore passo verso la re­alizzazione di un percorso di riduzione della produzione dei rifiuti e di costruzione di nuovi modelli comportamentali. Nel lungo periodo potrebbe offrire anche un vantaggio economi­co all’utenza e portare ad una riduzione della Tari. Confcom­mercio Taranto ha da sempre sostenuto, nel confronto con le amministrazioni dei comuni del territorio provinciale, la ne­cessità di puntare ad un amplia­mento della raccolta differen­ziata con l’obiettivo – attraverso l’adozione di prassi di raccolta e smaltimento più corrette – di rispettare l’ambiente limitando le aree di raccolta e stoccag­gio dei rifiuti, favorire il riciclo, migliorare l’igiene e il decoro dell’ambiente urbano, elevare la qualità del servizio, abbassare i costi per la utenza. Il Comu­ne di Taranto punta su una più complessiva strategia che pote­rà a cambiamenti negli stili di vita a vantaggio dell’ambiente, è importante quindi questo nuo­vo percorso nel quale saranno coinvolte tutte le utenze com­preso le attività commerciali ed artigianali. Ciò comporterà un particolare impegno per quelle attività che producono rifiuti di materiali organici che dovranno essere conferiti con particolare attenzione e cura, ma l’obiettivo è di vitale importanza per tutti e l’auspicio è che vi sia un’ampia collaborazione. Naturalmente affinché la raccolta differen­ziata abbia valore e produca un vantaggio anche economico è necessario che il ciclo si com­pleti nell’impianto di trasfor­mazione. Il ciclo non potrebbe altrimenti dirsi completo se tut­to il prodotto raccolto finisse in discarica, in modo indifferen­ziato».

Le utenze non domestiche ri­ceveranno 4 contenitori di di­mensione diversa in funzione dell’attività svolta. L’organico sarà raccolto 4 volte alla setti­mana mentre il cartone 1 volta alla settimana, più 2 turni ag­giuntivi. Le attività dovranno esporre i contenitori all’esterno del proprio esercizio dopo la chiusura del giorno precedente a quello della raccolta. I con­tenitori vuoti dovranno essere ritirati e custoditi all’interno dell’esercizio; nessun contenito­re potrà essere esposto il sabato sera poiché la domenica non vi sono turni di lavoro. I conte­nitori dovranno essere esposti dopo le 22 del giorno preceden­te quello di raccolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche