News Provincia

«Randagismo, serve la sterilizzazione»

PULSANO / Il consigliere comunale Angelo Di Lena critico con il Microchip Day

Randagismo, serve la sterilizzazione
Randagismo, serve la sterilizzazione

PULSANO- “Per affrontare il problema della prevenzione e il contrasto del maltrattamento degli animali alla base , c’è da risolvere il problema del ran­dagismo, ma il Comune di Pul­sano dopo l’emanazione di una delibera di giunta dell’Unione dei Comuni Terre del Mare e del Sole, che non ho condiviso, perché non vi è stato alcun tipo di coinvolgimento in consiglio ha previsto una iniziativa di ste­rilizzazione gratuita a Pulsano venerdì 31 gennaio denominata Microchip Day”.

Critico il consigliere dell’Unio­ne dei Comuni ,Angelo Di Lena.

“Ritengo che il randagismo sia la vera priorità del Comune di Pulsano e certamente non si risolve attraverso una giornata di microchippatura gratuita dei cani di proprietà dei residenti – prosegue Di Lena – pur ap­prezzando l’iniziativa che darà la possibilità, a chi non l’aves­se ancora fatto, di adempiere all’iscrizione del proprio ami­co a quattro zampe nel registro dell’anagrafe canina ritengo che sia troppo poco. Tantissimi sono gli animali abbandonati sul nostro territorio e tanti di questi non potranno essere por­tati in piazza Castello, a partire dalle ore 9.30 fino alle 12.30 per essere microchippati da un medico veterinario. Una gior­nata dedicata ai migliori amici dell’uomo non è sufficiente a ri­solvere un problema serio come questo, peraltro in un momento dell’anno particolarmente deli­cato perché le nuove cucciolate fanno crescere il numero degli abbandoni. Occorre fare molto di più con la sterilizzazione ed il supporto delle associazioni di volontariato. Il microchip nei casi di smarrimento, rappre­senta una garanzia per la indi­viduazione dei proprietari e la restituzione agli stessi, ma molti sono i randagi non trasportabili o che vivono in zone isolate.

E per questi animali cosa fac­ciamo?

Al di là della iniziativa che per­mette di rispettare le leggi ci sono anche obblighi morali ver­so i tanti amici a quattro zampe che non saranno in piazza.

Ritengo che i soldi del progetto forniti dall’Unione dei Comuni delle Terre del Mare e del Sole- conclude Di Lena- fondi mes­si a seguito di bando emanato con la circolare del ministero dell’interno nr.11001/11/25 del 22/05/2019 per effettuare una campagna di sensibilizzazione e prevenzione del randagismo andavano spesi meglio con un piano per la sterilizzazione de­gli animali su tutto il territorio, impegnando tutte le associazio­ni di volontariato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche