04 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 04 Agosto 2021 alle 19:40:00

Cronaca News

“Insieme per costruire il futuro”

All’istituto comprensivo San Giovanni Bosco di Taranto evento conclusivo del progetto

Istituto comprensivo San Giovanni Bosco di Taranto
Istituto comprensivo San Giovanni Bosco di Taranto

Con l’evento fi­nale “Insieme per costruire il nostro futuro #LìDOVESIA­MO”, in programma martedì 28 gennaio a partire dalle ore 16 presso l’istituto comprensivo “San Giovanni Bosco”, plesso di via Polibio, si avvia alla con­clusione il progetto In.S.I.E.Me – Iniziative di sostegno inclusi­vo e mediazione per un’educa­zione di qualità e il contrasto ai fenomeni di marginalità ed esclusione sociale – finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Un progetto presentato dai Sa­lesiani per il Sociale Aps, Tgs Turismo Giovanile e Sociale e C.G.S./Cnos-Ciofs (Cinecircoli Giovanili Socioculturali), attua­to in 17 sedi Scd sul territorio nazionale e in particolare sul territorio tarantino dall’Asso­ciazione Casa Don Bosco come responsabile locale dell’intero progetto, e dalle associazioni Cgs Taras e Tgs Delfino Taran­to, come partner di progetto che hanno portato avanti delle atti­vità di educazione non formale.

Importante è stata la rete costru­ita per raggiungere gli obietti­vi con l’Istituto Comprensivo “S. G. Bosco”, l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Taranto, le Associazioni Cri­stiane Lavoratori Italiane (Acli) presso il Circolo Montegrana­ro e il signor Valerio Lanciano della cartolibreria Faber.

Il progetto, rivolto ai minori, le famiglie e i docenti dell’Isti­tuto per contrastare la povertà educativa minorile, lavorare sul recupero scolastico, sull’in­tegrazione di minori stranieri e sulla relazione genitori-figli e docenti-alunni, ha portato alla realizzazione di un “piano condiviso educativo-strategico” a base territoriale con obietti­vi minimi educativi condivisi. Il piano sperimenta un mo­dello d’intervento che intende presidiare educativamente il territorio promuovendo forme di cittadinanza attiva e prati­che di solidarietà sociale tra le nuove generazioni, attraverso la collaborazione di diverse as­sociazioni quali la stessa Casa don Bosco, promotrice assieme all’Assessorato ai Servizi So­ciali, Acli (Associazione Cri­stiana Lavoratori Italiani) Aps, Associazione Italiana Medici per l’Ambiente (Isde), Libera, Cittadinanzattiva, Vides Paolo VI, Comunità Emmanuel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche