16 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Aprile 2021 alle 15:43:58

Cronaca News

Furti in aziende agricole, 6 arresti

La banda durante uno dei raid ha ammazzato un cane. Nel blitz anche due denunciati

Furti in aziende agricole - Foto Francesco Manfuso
Furti in aziende agricole - Foto Francesco Manfuso

Sgominata, dai carabinieri una banda specializzata in furti in aziende agricole e in abitazioni di campagna. Sei arresti nella operazione “San Diego”, il nome in memoria di Diego il cane ucciso alla banda durante uno dei raid. I militari della Compagnia di Castellaneta hanno condotto in carcere D.G.A., 34enne, A.M., 40enne, e B.M., 40enne, e posto agli arresti domiciliari C.R., 20enne, L.D., 30enne e P.V. ,38enne, tutti residenti a Palagiano.

Le indagini, eseguite anche con l’ausilio di attività tecniche, dai carabinieri della Stazione di Palagianello e dal Norm di Castellaneta, dal novembre 2018 al marzo 2019 hanno consentito di far luce su una sarie di furti di attrezzi agricoli, arnesi da lavoro e carburante per autotrazione.Sono state avviate dopo le denunce presentate dalle vittime. I sei arrestati e i due denunciati a piede libero sono stati incastrati anche grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona. Nel corso delle indagini i militari hanno arrestato tre delle persone raggiunte all’alba di ieri dall’ordinanza di custodia cautelare. Quell’arresto, avvenuto l’11 marzo del 2019 ha consentito anche di recuperare (e di restituire al proprietario) alcuni attrezzi da lavoro, del valore di circa 5.000 euro, nonché il sequestro di numerosi arnesi da scasso.

Nel corso di una perquisizione La banda durante uno dei raid ha ammazzato un cane. Nel blitz anche due denunciati eseguita il 14 marzo del 2019 era stata rinvenuta e sequestrata, in un deposito in uso a un componente della banda, refurtiva riconducibile ad alcuni raid in abitazioni rurali e aziende agricole (attrezzi da lavoro, un ciclomotore, tre frigoriferi, due aspirapolveri, una idropulitrice e due gruppi elettrogeni). Nella circostanza un uomo, condotto ieri in carcere, era stato denunciato a piede libero. Gli investigatori hanno ricostruito i ruoli dei componenti dell’organizzazione promossa dal 34enne D.G.A., il quale, oltre a partecipare alle azioni criminose individuava gli obiettivi da razziare, sfruttando la sua conoscenza del territorio, maturata grazie al proprio lavoro di riparatore di mezzi agricoli anche a domicilio, decideva la composizione delle batterie, assegnando compiti e ruoli ai componenti di volta in volta scelti, individuava i potenziali ricettatori della merce rubata. Decine i furti compiuti a Palagianello, Castellaneta Marina, Palagiano e Massafra. Hanno illustrato l’operazione il comandante provinciale dell’Arma, col. Luca Steffensen, il comandante della Compagnia di Castellaneta, magg. Biagio Marro e il comandante della Stazion di Palagianello, luogotenente Damiano Maio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche