21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

Cronaca News

Case a 1 euro a Taranto, presto il bando per l’Isola

L’assessore Viggiano: «Vogliamo far rinascere la Città Vecchia»

Taranto, Città Vecchia
Taranto, Città Vecchia

Il piano delle case a un euro potrebbe fare scuola. Taranto è infatti la prima tra le grandi città a tentare questa strada per ripopolare il centro storico e innescare processi di riqualificazione sociale e svi­luppo economico. Finora, infat­ti, erano stati solo piccoli centri a intraprendere la via delle case comunali vendute a 1 euro per rivitalizzare se stessi. Questa tendenza italiana non è sfuggita agli investitori internazionali e non a caso le mappe dell’Italia con le indicazioni dei borghi che stanno adottando questa strategia compaiono sui siti di importanti società immobiliari. Un fenomeno al quale ha dato rilievo anche il portale della Cnn.

Da qualche settimana sulle mappe, accanto a comuni come Mussomeli e Borgomezzavalle, c’è anche Taranto. L’annuncio per questa apertura alla vendi­ta delle case comunali a 1 euro era stata data, come si ricorde­rà, dall’assessore comunale al patrimonio Francesca Viggia­no in occasione della presenta­zione di Ecosistema Taranto, il programma di transizione che nell’arco di alcuni anni dovreb­be portare la città ad una di­mensione più sostenibile.

Al momento sono cinque gli edifici pronti a essere messi in vendita, ma l’offerta potrebbe essere ampliata.

«Stiamo facendo verifiche sui cespiti di proprietà comunale, compresi quelli derivanti da donazioni», spiega l’assessore Viggiano. «Ora – dice ancora l’assessore – siamo in fase di stesura del bando per definire l’iter da seguire. I tempi non do­vrebbero essere biblici».

Si può ragionevolmente presu­mere che tra qualche settimana il bando potrebbe essere pub­blicato. Va chiarito un aspetto, però: le case a 1 euro non hanno come finalità quella di dare una casa a chi non può permetterse­la. «Questo non è un piano di edilizia residenziale popolare. Gli alloggi per i meno abbien­ti sono un’altra cosa. Nel no­stro caso stiamo cercando di attivare misure per ripopolare e dare sviluppo alla Città Vec­chia. Staremo molto attenti a non permettere speculazioni, ma allo stesso tempo non pos­siamo permetterci di vendere le case a chi non può permet­tersi di sostenerne la ristruttu­razione». Già, perché la casa a 1 euro avrà dei vincoli per chi acquista: quello di ristrutturare in tempi certi secondo criteri che saranno definiti nel bando. «Noi – conclude l’assessore – vo­gliamo attirare investimenti per far rinascere la Città Vecchia».

1 Commento
  1. PASQUALE 1 anno ago
    Reply

    SONO UN PADRE SEPARATO PENSIONATO ILVA AVREI BISOGNO DI URGENTEMENTE DI UN ALLOGGIO ATTUALMENTE SONO SENZA RESIDENZA E CERTE VOLTE DORMO IN MACCHINA GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche