21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Aprile 2021 alle 09:30:12

News Spettacolo

Al Tatà il fascino di Prokofiev

Domenica 2 febbraio va in scena “La storia di Pierino e il Lupo”

La stora di Pierino e il Lupo - Foto Umberto Colferai
La stora di Pierino e il Lupo - Foto Umberto Colferai

Ogni personag­gio della favola, un diverso strumento musicale: il fasci­no di Sergej Prokofiev e del suo “Pierino e il Lupo” arriva al TaTà (in via Grazia Deledda – quartiere Tamburi) domeni­ca, 2 febbraio, alle ore 18, per un nuovo appuntamento con “favole&TAmburi”, la rassegna per famiglie del Crest.

Lo spettacolo dal titolo “La sto­ria di Pierino e il Lupo”, diretto dalla regista Daniela Nicosia che ha curato anche la dram­maturgia, vedrà protagonisti sul palco gli attori Massimiliano Di Corato e Caterina Pilon.

Il fascino della composizio­ne di Prokofiev sta nella felice intuizione di far raccontare la storia dalla musica, facendo di ogni strumento dell’orche­stra un personaggio. In que­sto spettacolo sono gli attori che raccontano la storia con i loro strumenti: la parola e il corpo, la danza e le immagini. E, mentre la partitura musicale corre libera, nella straordinaria esecuzione di Claudio Abba­do, nelle zone di racconto, già insite nell’opera, intervengono con il loro modo di raccontare, i piccoli spettatori.

Mediata dalla figura di un can­tastorie, l’opera viene con­testualizzata in una realtà di emigrazione. Pierino, bambino “solo” in un paese popolato da soli vecchi ha come “amici del cuore” l’uccellino, l’anitra e il gatto. Una grande fame ac­comuna Pierino (che per un pezzo di pane si presta a far da “spalla” al cantastorie a sua volta affamato), gli abitanti di quel paese e il lupo che per mangiare, proprio come loro, deve “migrare”. Ma i lupi a que­sto mondo sono tanti e hanno tanti volti, bisogna imparare a riconoscerli e a difendersi. Le coreografie sono di Clara Li­bertini, musiche Sergej Proko­fiev, elementi scenografici Gianni Volpe, luci e suono Pa­olo Pellicciari, produzione Tib Teatro. Posto unico: 6 euro (fa­miglie al TaTÀ: biglietti a 5 euro per nuclei familiari composti da almeno quattro persone). Info: 099.4725780 – 366.3473430.

Nel foyer, prima dello spetta­colo (dalle ore 17), lo staff dello Junior TaTÀ attende il giovane pubblico per coinvolgerlo in una festosa e gratuita anima­zione ludica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche