Cronaca News

Ustioni da idrocarburi per molti migranti a bordo della Ocean Viking

Per le donne attivato il “Codice Rosa”

La Ocean Viking attracca a Taranto - Foto Francesco Manfuso
La Ocean Viking attracca a Taranto - Foto Francesco Manfuso

La Asl si è subito attivata per affiancare Prefettura e Comune nella gestione delle operazioni di accoglienza del­la Ocean Viking, attraccata ieri mattina al molo San Cataldo, con 403 migranti soccorsi nel Medi­terraneo.

La macchina della Azienda sani­taria locale si è messa in moto non appena alla Ocean Viking è stato assegnato Taranto come porto sicuro per lo sbarco dei mi­granti: sono stati allertati il 118, i medici e il personale dei presidi sanitari e i mediatori culturali del progetto F.A.R.I. per la gestione dell’accoglienza dei 216 uomini, 38 donne e 149 bambini a bordo della nave di SOS Mediterranee e Medici Senza Frontiere.

“Il personale del 118 ha preso in carico i migranti appena sbarcati, individuando le persone che ne­cessitavano di cure o di un per­corso di maggior tutela- scrive la Asl in una nota- c’erano numero­se persone, soprattutto donne e bambini, con ustioni da idrocar­buri, poiché durante il viaggio nei gommoni erano stati in contatto con benzina e acqua di mare. Il personale del 118 è stato eccel­lente, curando laddove possibile tali problematiche direttamente al molo, senza sovraccaricare il Pronto Soccorso del SS. Annun­ziata.

Tra i migranti, 132 minori non accompagnati, complessivamen­te in buone condizioni, alcuni di essi però sono stati condotti in ospedale per accertamenti e suc­cessivamente dimessi.

C’erano anche 12 donne incinte e 6 donne per le quali è stato attiva­to il “Codice rosa”, il percorso di accoglienza dedicato alle vittime di violenza. Dopo una prima assi­stenza , sono state accompagnate al P.O. Centrale SS. Annunziata, dove hanno potuto usufruire dei servizi e degli esami strumenta­li necessari per la situazione di ognuna. Per un uomo, che aveva manifestato durante il soccorso uno stato di forte agitazione, si temevano possibili problemi psi­chiatrici ma gli accertamenti e i colloqui condotti dal personale del Dipartimento Sanità Mentale hanno escluso qualsiasi patologia. Al momento del primo soccorso, in una coppia di origine somala sono stati riferiti i sintomi della tubercolosi: la donna, 25 anni, era asintomatica e in terapia anti­tubercolare da oltre tre settimane; l’uomo, della stessa età della mo­glie, è stato valutato per la rife­rita tosse ma l’esame clinico e la radiografia del torace sono risul­tati negativi per acuzie e quindi è stata consigliata una profilassi adeguata. Durante le operazio­ni di soccorso e cura, i sanitari sono stati supportati dai mediato­ri culturali del progetto F.A.R.I., che lavorano nelle strutture delle Asl di Taranto, Brindisi e Lecce per facilitare l’accesso ai servizi socio sanitari di migranti, richie­denti asilo e titolari di protezione internazionale.“Ringrazio tutti gli operatori per il gran lavoro svolto – ha dichiarato Stefano Rossi, direttore generale della Asl Taranto – ancora una volta hanno dimostrato la loro profes­sionalità e la loro capacità di la­vorare bene anche in condizioni di emergenza grazie a una grande collaborazione e integrazione tra tutti i professionisti coinvolti.”

Intanto l e S ardine h anno c riti­cato Matteo Salvini. “Non faccia sciacallaggio a fini elettorali-hanno sottolineato in una nota- avremmo sperato in una uscita di scena almeno temporanea del no­stro ex Ministro dell’Interno, ma malgrado la collezione di brutte figure rimediate in giro per l’I­talia, finito in Emilia Romagna, il “nostro” decide di puntare ora verso la Puglia, prendendo di mira, guarda caso, proprio una delle comunità che maggiormen­te vive la pressione della crisi e dell’eterna emergenza tra salu­te, ambiente e lavoro. Nessuno minerà il già precario equilibrio della crisi tarantina.

Andranno per il momento al Cara di Bari e molti di loro saranno ri­collocati in base al programma della ripartizione europea in altri stati membri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche