24 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca News

Scuola, l’aula dedicata alla realtà aumentata

Ecco le attività che saranno realizzate negli innovativi spazi del liceo Ferraris

Realtà aumentata
Realtà aumentata

Sarà dedicata in primo luogo alla prima classe di liceo scientifico tradizionale l’aula a “Didattica aumentata”, nuova di zecca, acquisita dal liceo Ferraris con fondi comunitari.

«Le attività realizzate nell’aula a realtà aumentata sono pensate per implementare sistemi proietti­vi che incrementano la realtà con contenuti digitali e possono defi­nirsi come la capacità di sovrap­porre alla realtà osservata dal sog­getto un insieme di informazioni relative al contesto – fanno sapere dal liceo – Detto in altre parole: la percezione della realtà (storica, fisica, estetica) dei nostri studenti viene arricchita dalla presenza di oggetti virtuali nel loro campo visivo, aumentando, appunto, la visuale con informazioni supple­mentari, digitali ovvero di conte­nuti complessi di grafica 3D. In tal modo reale e virtuale coesistono nella scena osservata e l’utente può muoversi “dentro” tale realtà in modo tranquillo, suggestivo, ef­ficace. L’utente può muoversi nello spazio reale osservando gli ogget­ti virtuali da vari punti di vista e/o muovendoli spazialmente. In applicazioni avanzate tale visua­lizzazione tecnologica può essere anche interattiva, grazie all’impie­go di opportuni sensori. La finali­tà di tutte queste attività didattiche è consentire agli studenti parte­cipanti di addentrarsi nel mondo delle applicazioni progettuali del­la realtà aumentata, con una ar­moniosa fusione ed un buon grado di interazione tra dati digitali e scena osservata. In questo modo, la tradizionale proposta didattica viene esaltata dal ricorso a quelli che sono i migliori e più potenti strumenti tecnologici attualmen­te a disposizione: perché i nostri studenti studino meglio, a partire, come si diceva, dalla nuova classe prima di liceo scientifico tradizio­ne della sede di via Mascherpa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche