News Provincia

Massafra, «Una mobilità dolce e sostenibile»

Il sindaco Fabrizio Quarto a Palazzo della Cultura ha presentato il PUMS

Presentato il PUMS di Massafra
Presentato il PUMS di Massafra

MASSAFRA- “Lo volevamo e ci stiamo riuscendo. Una mobilità vicina al benessere della gente; più dolce e più sostenibile”.

Così il sindaco Fabrizio Quarto in occasione della presentazione del Piano Urbano della Mobilità Soste­nibile (PUMS), tenutasi ia presso il Palazzo della Cultura. Il Sindaco ha affermato che il PUMS è una rivisitazione della mobilità come miglioramento della vivibilità cit­tadina. Certamente il Piano – ha continuato Quarto – redatto dai tec­nici dopo approfonditi e meticolosi studi, sarà oggetto di analisi e va­lutazione in un periodo certamente non breve, ma in un cronoprogram­ma che si concluderà nell’arco di 10 anni. Potrà certamente essere modificato grazie ad un costante dialogo con i cittadini proprio per migliorarlo. Il Sindaco ha concluso affermando: “continuiamo a dare una pianificazione a questa Città, cosa che mancava, e che ora sta as­sumendo contorni ben precisi.”  L’assessore all’Urbanistica Paolo Lepore, nel corso del suo interven­to, ha sottolineato come il PUMS, che pone al centro le persone e la soddisfazione delle loro esigenze, sviluppi una visione di sistema del­la mobilità urbana, proponendo il raggiungimento di obiettivi di so­stenibilità ambientale, sociale ed economica attraverso la definizio­ne di azioni orientate a migliorare l’efficacia e l’efficienza del sistema della mobilità e la sua integrazione con l’assetto urbanistico e territo­riale.

L’arch. Massimo Castiello, uno dei redattori del Piano, ha spiegato le quattro fasi di studio che hanno portato ad individuare le zone a criticità elevate e la necessità di creare un senso unico per allegge­rire sensibilmente il traffico. L’idea è quella di istituire un senso unico di marcia da corso Roma verso piazza Vittorio Emanuele per pro­seguire su via Col. Scarano e viale Marconi. Anche il Centro Storico è stato oggetto di studio partendo da una sosta regolamentata per arriva­re ad una ZTL con percorsi pedo­nali che collegano punti di interes­se collettivo. Previste anche piste ciclabili per incentivare l’uso della bici. Per la zona a mare sono stati previsti parcheggi di interscambio primi della statale Ionica.

L’ing. Maurizio Difronzo ha sotto­lineato come il PUMS sposti l’inte­resse dal traffico alle persone, con lo scopo di ridurre il numero dei veicoli in circolazione e aumentare gli spazi, mentre l’ing. Alessandra Aquilino ha analizzato gli sposta­menti sistematici che per il 60% sono verso l’esterno della città e vengono effettuati in auto.

L’ing. Aquilino si è soffermata an­che sugli spostamenti interni e si­stematici, sull’asse più carico come il Ponte S. Marco e via Col. Sca­rano e sulla necessità di ridurre gli attraversamenti creando una circo­larità di movimenti con un senso unico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche