21 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 20:01:12

News Spettacolo

Don Donato Provvidenza al Festival Majorano

Sul palco del Teatro Fusco di Taranto “La Rotaia” con una commedia di Carriglio

La compagnia “La Rotaia”
La compagnia “La Rotaia”

Nuovo appun­tamento con il Festival del Teatro Dialettale “Alfredo Majorano”, organizzato dal Comune di Taranto in col­laborazione con la F.I.T.A. (Federazione Italiana Teatro Amatori Puglia), con il Tea­tro Comunale Fusco, con il T.P P. (Teatro Pubblico Pu­gliese) e la Compagnia tea­trale Lino Conte.

Il prossimo appuntamento è previsto per giovedì 6 feb­braio al teatro Fusco con la compagnia teatrale La Ro­taia che porterà in scena la nuova commedia di Gian­franco Carriglio “Don Do­nato Provvidenza.

La trama irriverente apre il sipario su una comunità, legata ad un mix di religio­ne, credenze popolari e su­perstizioni, inserita in una vicenda che può essere tranquillamente ambienta­ta nella Città Vecchia. La scena si aprirà nella casa, annessa alla chiesa, di Don Donato Provvidenza, par­roco del luogo, con la sua indomabile perpetua Rosa e l’esilarante sacrestano Pasqualino. Un parroco sui generis che, con ogni mezzo, combatte cattive abitudini, litigi e difficoltà esistenziali dei fedeli, pro­vando a consolidare la loro fede con ingenui sotterfugi e finti miracoli. La vicenda ruota intorno a un classico episodio di vita comune: una povera ragazza madre e un rampollo dell’alta so­cietà , innamorati, che vor­rebbero suggellare la nasci­ta del loro figlio unendosi in matrimonio. Ma il loro so­gno non rientra nei piani predisposti per il futuro del giovanotto da sua madre, di discendenza nobile. In­torno a questa vicenda, di per se semplice, saliranno alla ribalta scenica tanti personaggi, come il Sinda­co, un avvocato mangione e semplici pescatori con vicende personali esilaran­ti. Contrasti e mezze verità, spingeranno il povero Don Donato quasi a uno stato di pazzia, che risulterà il grimaldello di uno strata­gemma che farà emergere i “peccati” dei protagonisti della vicenda. La situazio­ne, con molti risvolti comi­ci, richiederà addirittura la presenza del Vescovo che nel tentativo di indagare sui “miracoli”, arricchirà un finale che farà sorridere, ri­flettere ma anche sperare: la speranza che caratteriz­za l’epoca dei giorni nostri. Il tutto nel classico stile de “ La Rotaia”. Questi i prota­gonisti di questa diverten­tissima commedia: Umber­to Marseglia, Bruno Peluso, Mimmo Altomonte, Ada Mele, Caterina Pendinelli, Gianfranco Carriglio, Alma Millarte, Dora De Giorgio, Damiana Labile, Roberta Peluso, Andrea Ricchiu­to, Francesco Viesti, Fran­co Cervino, Ciccio Pelu­so, Giulio Granio. Regia di Gianfranco Carriglio. Foto di Scena Mimmo Pignatelli.

La Giuria, formata da esperti del mondo dello spettacolo e della cultura, sta vagliando con grande attenzione i lavori, per de­cretare il vincitore di questa prima edizione del Festiva e assegnare i vari premi sta­biliti dal regolamento e c’è una importante novità, sarà assegnato anche il Pre­mio della Critica, che sarà assegnato dalla Stampa, rappresentata da Giornali­sti di TarantoSera, Corriere di Taranto e Radiocittadel­la. Appuntanto: giovedì 6 febbraio, ingresso 20,30 sipario ore 21 – Teatro Fu­sco, via Giovinazzi 49 Ta­ranto – Posti numerati: Platea 10 euro – Ridotto Soci FITA – UILT – Over 65 e bambini fino a dodici anni 8 euro – Galleria 8 euro – Info e prenotazioni 342.710.3959 – 392.309.6037.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche